Superbonus, verso la proroga al 2024 con tante novità: ecco chi potrà avere lo sconto

Novità in arrivo sul Superbonus e possibile proroga al 2024: il Governo spiega cosa cambia per i bonus edilizi e chi potrà ancora avere lo sconto sulla ristrutturazione della casa.

superbonus 2024 novità

Il Superbonus torna a far parlare di sé, in virtù di una possibile proroga del Governo al 2024: come abbiamo visto, spunta l'ipotesi di introdurre una detrazione in base al reddito e limitata a pochi beneficiari.

Non ci sono ancora notizie certe, ma sicuramente dall'autunno ci saranno dei cambiamenti sui beneficiari e sulle aliquote di detrazione per coloro che effettueranno lavori di efficientamento energetico o di ristrutturazione.

Ecco tutto quello che c'è da sapere e quali sono le novità sul Superbonus a partire dal 2024.

Superbonus, verso la proroga al 2024: le novità

Il Superbonus al 110% è praticamente finito, ma è ancora disponibile la detrazione al 90% per le ristrutturazioni edilizie. Ci sono però delle novità interessanti in arrivo nel 2024.

Come sappiamo, la riforma del Superbonus è stata inserita all'interno del PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - e in particolare nel “RepowerEu”, finanziato con poco più di 19 miliardi

Per ottenere gli sgravi fiscali sulle ristrutturazioni energetiche verranno messi a disposizione, in totale, 4 miliardi di euro: 2 miliardi per il 2024 e altri 2 per il 2025.

Oltre alla proroga al 2024, per il Superbonus sono in arrivo anche altre novità: in particolare, il Governo intende restringere la platea di beneficiari e modulare l'aliquota del bonus in base al reddito.

Superbonus, dal 110% al 100%: chi potrà averlo nel 2024?

Un primo intervento del Governo sul Superbonus riguarda i beneficiari: se fino ad oggi hanno potuto ottenerlo tutti i cittadini proprietari di case, che siano villette unifamiliari o condomini, a partire dal 2024 il Superbonus spetterà solo a chi possiede un reddito basso.

O meglio: il Governo ha intenzione di limitare l'utilizzo dello sconto edilizio solo alle famiglie a rischio povertà energetica e ai giovani. Per questi ultimi potrebbe tornare anche la possibilità di fruire dello sconto in fattura. Ma non solo.

Spunta anche l'ipotesi di portare il Superbonus al 100%, ma con detrazione in base al reddito: così facendo si potrebbe fissare un tetto al reddito a 15.000 euro, come già avvenuto per le villette unifamiliari.

Bonus casa 2024, cosa cambia?

Novità in arrivo anche per i bonus casa, che potrebbero trovare spazio nella riforma dei bonus edilizi: cosa cambia nel 2024?

Tra le ipotesi del Governo ci sarebbe la possibilità di limitare i bonus casa solo ai lavori di ristrutturazione ed efficienza energetica effettuati sulle prima case, portando l'aliquota di detrazione al 60%, e la spesa massima fino a 100.000 euro da detrarre in 10 anni.

Non sono previsti, in questo caso, limiti reddituali, ma si intende premiare coloro che "scalano" più classi energetiche, con un minimo di due o più.

Si punta anche ad aiutare i complessi familiari compost da diversi nuclei, all'interno dei quali trovare un accordo non è sempre facile.

Superbonus e bonus edilizi, le regole attuali

Mentre si attendono conferme e aggiornamenti sulla possibile riforma del Superbonus e dei bonus edilizi, riassumiamo brevemente quali sono le regole attualmente in vigore.

Dal 1° gennaio 2024 è in arrivo un ulteriore taglio sul Superbonus, che è già sceso al 90% per tutti (o quasi) a partire da quest'anno.

Possono ancora ottenere la detrazione al 110% sul Superbonus i condomini che hanno presentato la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata entro il 31 dicembre 2022 e hanno depositato la delibera assembleare prima del 25 novembre 2022.

Detrazione al 110% anche per i titolari di edifici demoliti e ricostruiti, oltre che i territori colpiti dal sisma (fino al 2025) e quelli colpiti dall'alluvione (fino al 2024).