Ftse Mib: nessuna sorpresa fino al 2024?

Il Ftse Mib ha vissuto una settimana interlocutoria, muovendosi in un range ristretto di punti. Sarà ancora così nel breve?

ftse mib attese sedua

L’ultima seduta prima del lungo ponte di Natale si è conclusa in positivo per le Borse europee, tra le quali ha fatto eccezione solo quella francese.

Il Cac40, infatti, ha chiuso in frazionale calo dello 0,03%, mentre il Ftse100 e il Dax sono saliti rispettivamente dello 0,04% e dello 0,11%.

In positivo anche Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni a 30.353 punti, con un progresso dello 0,26%, dopo aver toccato nell’intraday un massimo a 30.392 e un minimo a 30.208 punti.

Poco variato il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chip ha mostrato un frazionale calo dello 0,06% rispetto al close del venerdì precedente.

Nelle prime due sedute della settimana, l’indice Ftse Mib ha testato l’area dei 30.200, la cui tenuta ha favorito un rimbalzo verso quota 30.450.

Da questo livello si è avuto un ripiegamento verso i 30.200/30.150, con recupero in area 30.350 prima del lungo ponte legato alle festività di Natale.

Ftse Mib: tutto rimandato al nuovo anno?

L’indice Ftse Mib ha continuato a muoversi in un range di pochi punti, mantenendosi al di sotto dei massimi dell’anno aggiornati lo scorso 14 dicembre in area 30.650.

Da una parte il Ftse Mib si è mostrato incapace di spingersi ancora in avanti, ma dall’altra non ha accusato ripiegamenti degni di nota.

Siamo in una fase di stallo, in cui gli operatori preferiscono non sbilanciarsi né in un senso né nell’altro, visto anche il periodo particolare dell’anno.

E’ molto probabile che nuovi posizionamenti saranno rinviati all’inizio del 2024, una volta terminate le festività.

Da un punto di vista tecnico, solo con il superamento di area 30.500/30.650 si potranno avere ulteriori allunghi, con primo approdo in area 30.800 e obiettivo successivo a 31.000 punti.

Oltre questo livello ci sarà spazio per un’estensione rialzista fin verso area 31.500, raggiunta la quale sarà probabile una pausa prima di nuove salite.

Al di sotto dei 30.200 punti il Ftse Mib andrà a testare la soglia psicologica dei 30.000 punti, violata la quale la discesa proseguirà verso i 29.800 e i 29.500 punti, con ripiegamenti successivi fino ai 29.200 e ai 29.000 punti.

I market movers negli Stati Uniti

Lunedì prossimo i mercati azionari, sia europei che statunitensi, saranno chiusi per la festività del Natale.

Il giorno dopo, il 26 dicembre, faranno ancora festa le Borse europee, nel giorno di Santo Stefano, mentre sarà regolarmente aperta Wall Street.

Sul fronte macro USA, per martedì si segnala l’indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene statunitensi.

L’indice CFNAI a novembre dovrebbe peggiorare da -0,49 a -0,51 punti, mentre l’indice S&P Case-Shiller a ottobre dovrebbe mostrare un rialzo del 5% su base annua, rispetto al 3,92% precedente.

Mercoledì 27 dicembre tutti i mercati azionari riapriranno i battenti e sul fronte macro USA si segnala l’indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa per mercoledì 27 dicembre non si segnalano dati macro di rilievo e non sono in agenda eventi degni di nota.