STM poco mosso. News sul futuro del CEO e guidance 2024

STM in positivo per la terza seduta di fila, ma con il freno a mano tirato: ecco perché.

La seduta odierna prosegue senza particolari emozioni per STM che prova ad allungare il passo, faticando però ad allontanarsi dalla parità.

STM sale per la terza seduta di fila

Il titolo, dopo aver guadagnato ieri quasi due punti percentuali, oggi viaggia con il segno più per la terza sessione di fila, muovendosi però con molta cautela.

Negli ultimi minuti STM viene fotografato a 44,375 euro, con un rialzo dello 0,12% e oltre 400mila azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 2,5 milioni.

Il titolo resta indietro rispetto al Ftse Mib e sembra essere frenato da alcune indiscrezioni di stampa.

STM: rumor su tensioni per conferma AD

Secondo Bloomberg, il Governo guidato da Giorgia Meloni reclamerebbe più investimenti in Italia da parte di STM, accusata di favorire invece la Francia, col progetto di costruire un nuovo impianto vicino a Grenoble, in joint venture con l’americana Global Foundries, con spese per investimenti previste a 7,5 miliardi di euro, in parte finanziate da sussidi forniti dal governo francese.

Questo secondo Bloomberg potrebbe porre dei rischi sulla riconferma come CEO di Jean Marc Chery, al quale il Governo Meloni potrebbe sbarrare la strada.

Gli analisti di Equita SIM ricordano che STM Holding, società controllata in modo paritetico dai governi italiano e francese, è il principale azionista di STM con il 27.5% del capitale.

La società italo-francese lo scorso 10 settembre 2023, aveva comunicato che il consiglio di sorveglianza aveva deciso di proporre alla assemblea annuale 2024 “la riconferma per un mandato di tre anni di Jean-Marc Chery, come membro unico del consiglio di gestione e presidentee e CEO della società”. Decisione che “riconosceva l’importanza della continuità della strategia, dell’esecuzione e della value proposition di STM sotto la guida di Chery.

STM: confermata la guidance 2024

Ieri intanto si è tenuta anche una presentazione proprio del CEO Chery ad una conferenza tech, in cui la società ha confermato la guidance 2024, indicando che non ci sono stati cambiamenti significativi da fine gennaio.

Lo scenario base è quello di avere un fatturato in crescita a una singola cifra media nel segmento automotive, in calo mid-teens in quello industriale (con un primo semestre debole seguito da una ripresa nel secondo), un calo a una singola cifra media in personal electronics e un andamento stabile nel segmento pc e communications.

Unica novità di rilievo è stato il commento sulla vincita di un socket (sensore) inatteso nel segmento personal electronics.

Non cambia intanto la view di Equita SIM, che su STM mantiene un giudizio improntato alla cautela, con una raccomandazione “hold” e un prezzo obiettivo a 52 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate