Bonus 200 € per lavoratori e pensionati anche per RdC! Come

Tra le ultime novità per i percettori della prestazione bandiera del Movimento 5 Stelle Reddito di Cittadinanza c'è la possibilità di percepire anche il nuovissimo bonus 200 € per lavoratori e pensionati.

Questo nuovissimo sostegno economico del valore di 200 € una tantum è stato introdotto con il decreto aiuti approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 2 maggio 2022. 

Si tratta di un sostegno rivolto esclusivamente alle categorie di lavoratori e pensionati, ma dalle ultimissime novità potrà essere ottenuto anche dai percettori di Reddito di Cittadinanza RdC, oltre che dai disoccupati.

Il Governo guidato dall’ex presidente della BCE, la Banca Centrale Europea, ha approvato questo sussidio una tantum per tutelare tutti i cittadini italiani dagli aumenti energetici innescati dallo scoppio della guerra in Ucraina e dalla galoppante inflazione.  

Andiamo subito a scoprire insieme in cosa consiste questo bonus 200 € e come possono ottenerlo anche coloro che percepiscono mensilmente il sostegno economico anti-povertà RdC, pagato dall’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale.

Prima di procedere con tutte le novità vi lascio un video molto interessante dal canale YouTube di Insindacabili:

Il Bonus 200 € per lavoratori e pensionati è rivolto anche ai beneficiari di RdC

All’inizio, il Presidente del Consiglio dei ministri aveva parlato solamente di un Bonus 200 € rivolto a pensionati e lavoratori, ma non aveva parlato di disoccupati e di percettori di RdC. 

In seguito, con una modifica, effettuata tre giorni dopo, l’Esecutivo draghi ha deciso di allargare la platea dei beneficiari, includendo anche coloro che in un primo momento erano stati esclusi. 

Ricordiamo, però, che per ora non è stato pubblicato un testo definitivo riguardo questo Bonus 200 €, dunque, occorrerà attendere ulteriori informazioni e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Quello che ad oggi sembra ormai certo è che potranno ricevere questo sostegno economico una tantum:

  • i lavoratori dipendenti;

  • i lavoratori autonomi;

  • i disoccupati – probabilmente compresi i percettori della Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego NASpI;

  • i lavoratori domestici;

  • i lavoratori stagionali

  • i percettori della misura pentastellata RdC – Reddito di Cittadinanza;

  • i pensionati – probabilmente anche coloro che percepiscono la Pensione di Cittadinanza.

Bonus 200 € pensionati, lavoratori e RdC ecco come funziona e chi può averlo

Entriamo subito nel vivo di questo bonus 200 €, accantonando per un secondo la questione relativa al beneficio economico pentastellato RdC.

Questo sussidio del valore di 200 € una tantum verrà erogato a tutti i lavoratori dipendenti che abbiano redditi non superiori ai 35.000 €. Il periodo del pagamento potrebbe essere tra il mese di giugno e il mese di luglio 2022.

È possibile che tutti i lavoratori che durante l'anno corrente dovessero arrivare a superare la soglia massima dei 35.000 € di reddito e che percepiranno ugualmente il bonus 200 €, dovranno restituire all'azienda presso cui lavorano l'intero importo del credito che hanno ricevuto. Questo avverrà, o in un'unica tranche, oppure attraverso il dilazionamento per un massimo di 8 mensilità.

Per questa ragione l'ideale sarebbe arrivare a effettuare una stima più veritiera possibile di quello che sarà il reddito presunto per l'anno corrente 2022, per evitare di dover restituire il bonus 200 € per i lavoratori.

Ricordiamo che questo beneficio economico verrà versato direttamente nella busta paga del lavoratore interessato.

Per quanto concerne, invece, i liberi professionisti e i lavoratori autonomi che risultano essere iscritti a delle casse previdenziali, oppure alla gestione separata dell'istituto nazionale per la previdenza sociale, e che anno dei redditi che non superino i 35.000 €, questi potranno - secondo le ultime indiscrezioni - percepire il sussidio una tantum di 200 € attingendo a dei particolari fondi ideati ad hoc per loro.

Bonus 200 €, lavoratori RdC e pensionati! Ecco come funziona per chi ha la pensione

Passiamo ora a parlare dei pensionati, tralasciando ancora per un istante il RdC. Nello stesso decreto aiuti di inizio maggio, l'esecutivo guidato dal premier Mario Draghi ha previsto questo bonus 200 € anche per tutti i pensionati.

Anche in questo caso, però, ci sarà un limite reddituale da rispettare, che però sarà uguale a quello dei lavoratori dipendenti e autonomi: 35.000 €.

Questo sostegno una tantum verrà pagato a tutti i pensionati con il requisito reddituale sopraccitato senza la necessità di presentare una domanda, dunque, in maniera del tutto automatica.

In questo caso, INPS, l'istituto nazionale per la previdenza sociale verserà in maniera diretta il beneficio sul trattamento pensionistico che verrà pagato, molto probabilmente, nel mese di luglio 2022.

Sulle tempistiche dell'erogazione, sia per quel che concerne i lavoratori, che per quel che concerne i pensionati, non abbiamo una certezza totale. I tempi, infatti, varieranno seconda del decreto in pubblicazione, dunque del testo definitivo in Gazzetta Ufficiale, oltre che a seconda dei tempi tecnici del ministero e dell'ente previdenziale INPS.

Bonus 200 € anche a chi percepisce il RdC 

Come detto in precedenza, questo bonus 200 € una tantum non è solamente destinato a lavoratori – dipendenti e autonomi – e a pensionati, ma è anche rivolto a disoccupati e percettori di reddito di cittadinanza RdC.

Nonostante il governo abbia allargato la platea dei beneficiari anche a queste persone o famiglie, ancora sappiamo poco sui criteri dell'erogazione.

Mi spiego meglio. Pare scontato che ad erogare il sostegno economico di 200 € ai percettori di RdC sarà l'istituto nazionale per la previdenza sociale, attraverso una ricarica che probabilmente arriverà a luglio 2022, ma se all'interno del nucleo familiare risulteranno essere presenti pensionati e percettori di reddito di cittadinanza contemporaneamente come si procederà con i versamenti?

Ancora molto, dunque, deve essere definito. Non resta altro da fare che attendere il decreto in cui verrà spiegato per filo e per segno come verranno pagati questi sostegni economici del valore di 200 €.

Ultime news sul RdC: la ricarica e l’Assegno per i Figli

Accantoniamo, ora, il bonus 200 € per parlare delle ultime novità riguardanti il RdC. La prima ricarica del mese doveva essere versata lo scorso venerdì 13 maggio, ma l’erogazione effettiva del reddito e partita tutti gli effetti questa mattina.

Ricordiamo che la ricarica di metà mese interessa unicamente i primi percettori, coloro che richiedono il rinnovo della prestazione, oppure coloro che attendono eventuali arretrati.

Allo stesso tempo, in questi giorni inizieranno ad arrivare le integrazioni dell'assegno universale per figli minorenni e maggiorenni per gli stessi percettori di RdC. Per scoprire tutte le novità riguardanti al modello RdC com AU vi consigliamo la lettura di questo articolo.

Infine, la ricarica di fine mese arriverà come di consueto il 27 maggio, che cadrà di venerdì. Lo stesso giorno arriveranno le pensioni di cittadinanza.

Cos’è la pensione di cittadinanza? È una pensione erogata da INPS a determinati cittadini con requisiti necessari con età superiore ai 67 anni.

Dal 2021, la pensione può essere erogata in alternativa insieme alla pensione INPS se il richiedente è titolare di una prestazione pensionistica pubblica. L'importo spettante agli aventi diritto alla Pensione di Cittadinanza è calcolato in base al numero dei componenti del nucleo familiare e si compone di due quote.