INPS sorprende tutti: 2.000 euro a dipendenti e autonomi! Come?

Nuovo aiuto per i lavoratori autonomi e dipendenti di 2.000 euro dall’INPS: chi sono i fortunati che potranno presentare la richiesta per avere i 2.000 euro nel 2022.

Arrivano ancora grandi aiuti per i lavoratori italiani con una sorpresa dall’INPS di ben 2.000€! Questa volta non si tratta di uno dei tanti bonus che è stato istituto ed introdotto da parte del Governo Draghi all’interno dei recenti decreti.

Effettivamente, in questo caso, si parla piuttosto di un’indennità che potrà essere ottenuta da parte non soltanto di lavoratori con contratto dipendente ma anche quelli con un lavoro autonomo che dovranno rispondere a specifiche categorie. A questo proposito, si parla di indennità e non di bonus lavoratori, in quanto l’erogazione di tale contributo risulta essere fortemente correlata alla sussistenza di alcune condizioni particolari, di cui si tratterà nei prossimi paragrafi.

A questo proposito, tuttavia, occorre precisare che, come accaduto anche in passato per altre indennità diverse da quella in esame attualmente, sarà l’Istituto Nazionale Previdenza Sociale a provvedere all’intera gestione delle domande e delle pratiche volte a consentire l’erogazione dei 2.000 euro in regalo per i dipendenti e gli autonomi.

Tuttavia, è necessario mantenere la calma e non lasciarsi prendere da facili entusiasmi: l’indennità INPS da 2.000 euro per i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi non sarà per tutti.

Proprio per questo motivo, è necessario approfondire al meglio tutte le condizioni necessarie per poter riuscire effettivamente ad usufruire di questa misura economica.

Dunque, in tal senso, all’interno del seguente articolo, andremo effettivamente a fornire una panoramica generale di tutte le caratteristiche di questa nuova indennità per i lavoratori dipendenti ed autonomi dal valore di 2.000 euro. In questo modo, quindi, saranno anche chiarite le categorie principali di lavoratori che potranno sperare di ricevere questa importante indennità.

Novità dell’ultima ora INPS: cosa si sa sull’indennità di 2.000€ per i lavoratori? 

Dunque, prima di cominciare a fornire informazioni più dettagliate in riferimento alle condizioni ed ai requisiti che dovranno essere necessariamente rispettati affinché i cittadini possano accedere all’indennità dal valore di 2.000 euro, è necessario chiarire alcuni punti essenziali.

Si tratta, nello specifico di analizzare al meglio gli aspetti in riferimento al contesto normativo e generale entro cui si è andata a presentare questa nuova indennità INPS per i lavoratori di 2.000 euro.

A questo proposito, quindi, la prima cosa da precisare riguarda proprio il riferimento normativo entro cui si pone l’introduzione e l’entrata in vigore dell’indennità INPS per i lavoratori di 2.000 euro. In tal senso, è stato il decreto-legge numero 103 approvato durante la giornata del 20 luglio dello scorso anno a provvedere al riconoscimento di questo aiuto economico per i lavoratori.

Inoltre, ulteriori indicazioni e chiarimenti sono stati forniti anche da parte della legge di conversione relativa al decreto appena citato. In questo caso, il secondo riferimento normativo legato all’indennità per i lavoratori dal valore di 2.000 euro riguarda essenzialmente la legge numero 125 del 16 settembre 2021, ma anche il decreto interministeriale pubblicato il 16 novembre 2021 da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con il Ministero dell’Economia e delle finanze.

Infine, dopo aver ricevuto una serie di riconoscimento di carattere normativo, l’indennità di 2.000 euro a cui si fa riferimento nel seguente articolo, è stata poi coinvolta anche da altre importanti novità ed indicazioni.

In questa situazione, occorre prendere infatti in considerazione tutte le linee guida che sono state fornite da parte dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale direttamente attraverso la pubblicazione della recente circolare, la circolare numero 54 resa nota durante al giornata del 29 aprile.

Indennità INPS di 2.000€ per i lavoratori: gli obiettivi principali 

Abbiamo quindi analizzato i vari riferimento normativi che hanno portato alla luce l’introduzione da parte della squadra dell’esecutivo e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della nuova indennità di 2.000 euro per i lavoratori. Ma quali sono davvero gli obiettivi portati avanti dal Governo attraverso questo regalo per i lavoratori?

Effettivamente l’idea di avviare l’erogazione di una nuova indennità per i lavoratori è emersa soltanto a seguito della decisione da parte del Ministero della Cultura di avviare il blocco del transito delle Grandi Navi in Laguna. A questo proposito, come indicato anche all’interno del comunicato stampa del MIC, pubblicato durante la giornata del 13 luglio dello scorso anno, è stata definita tale decisione ormai improcrastinabile.

In tal senso, a partire dalla data del primo agosto 2021, il Ministro della cultura, Dario Franceschini ha comunicato la decisione del Consiglio dei Ministri di dichiarare il divieto assoluto di transito delle navi con alcune caratteristiche principali presso le vie urbane d’acqua di specifiche zone.

Nel dettaglio, si intendono incluse le aree legate al Canale di San Marco, il Canale della Giudecca di Venezia nonché il Bacino di San Marco.

INPS regala 2.000€ a dipendenti e autonomi. Chi sono i beneficiari?

Abbiamo quindi fornito ulteriori dettagli per quanto riguarda il contesto normativo entro cui si è posta la necessità di andare a formulare una nuova indennità per i lavoratori dipendenti ed autonomi dal valore di 2.000 euro. Ora, tuttavia, è il momento di andare a chiarire in maniera molto più precisa quali sono le categorie che effettivamente potranno ottenere tale erogazione.

In questo contesto, dunque, secondo quanto precisato anche all’interno della circolare recentemente resa nota da parte dell’Istituto INPS è possibile evidenziare tre categorie essenziali di lavoratori dipendenti ed autonomi che potranno sperare di ricevere l’indennità di 2.000 euro.

In tal senso rientrano dunque generalmente i cittadini che svolgono una prestazione lavorativa e che sono inquadrati come: 

  • lavoratori autonomi;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori dipendenti stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in somministrazione.

Tuttavia, come accade nella maggior parte dei casi, è necessario anche fare ulteriori precisazioni per quanto riguarda i requisiti essenziali richiesti dall’Istituto INPS al momento della presentazione della richiesta dell’indennità di 2.000 euro.

Indennità 2.000€ per i lavoratori dipendenti e autonomi: i requisiti 

Abbiamo quindi visto nel dettaglio quali sono le tre categorie di cittadini che potranno presentare richiesta per accedere all’indennità INPS di 2.000 euro, ora è giunto il momento di approfondire alcuni dei requisiti richiesti.

Nello specifico, per quanto riguarda la categoria dei lavoratori autonomi, è necessario chiarire che potranno ricevere l’indennità di 2.000 euro esclusivamente coloro che non sono iscritti a forme previdenziali obbligatorie (nel periodo tra gennaio 2019 e 31 luglio 2021) e che risultano essere stati titoli di un contratto di lavoro autonomo occasionale ai sensi dell’articolo 2222 del Codice Civile.

In merito, invece, alla categoria dei lavoratori intermittenti, rientrano solo coloro che hanno svolto una prestazione di almeno trenta giorni durante il periodo tra gennaio 2019 e 31 luglio 2021. La stessa condizione in merito alle giornate riguarda anche la terza categoria di lavoratori, a cui si aggiunge anche un requisito relativo alla cessazione del rapporto di lavoro. 

In questo caso è necessario che questi cittadini abbiano cessato la prestazione a decorrere dal primo agosto 2021 fino al giorno 22 dicembre dello stesso anno, per motivazioni che non sono riconducibili alla propria volontà. 

Come fare richiesta dei 2.000 euro per i lavoratori autonomi e dipendenti 

È chiaro quindi che al fine di assicurarsi di poter effettivamente accedere all’indennità dei lavoratori dal valore di 2.000 euro, ciascun cittadino intenzionato a presentare la richiesta si assicuri di essere in possesso di tutti i requisiti di accesso indicati chiaramente nel secondo paragrafo della circolare INPS numero 54 del 29 aprile.

Tuttavia, è anche bene tenere a mente che il tempo a disposizione per poter presentare la richiesta non è tantissimo, in quanto la scadenza ultima per provvedere alla trasmissione dell’istanza per accedere all’indennità INPS per i lavoratori di 2.000 euro è stata fissata alla data del 30 giugno 2022.

Viviana Vitale
Viviana Vitale
Aspirante giornalista e social media manager freelance, classe 1995. Le mie più grandi passioni sono la scrittura e il marketing digitale. Sono state proprio queste a portarmi oggi a far parte del team di redattori di Trend-online e a collaborare come professionista della comunicazione con varie aziende italiane.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
773FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate