Elezioni in Basilicata, i risultati degli ultimi sondaggi: chi è in testa

Gli ultimi aggiornamenti sulle elezioni regionali in Basilicata. I sondaggi parlano chiaro: ecco chi è il favorito.

I risultati dei sondaggi politici relativi alle elezioni in Basilicata, realizzati da Noto Sondaggi, hanno già individuato un potenziale vincitore. Gli ultimi rilevamenti riguardo le intenzioni di voto dei cittadini lucani risalgono alla data del 21 marzo 2024. Sebbene manchi meno di un mese alle elezioni, però, non è detto che non possano verificarsi dei colpi di scena all’ultimo minuto.

Elezioni in Basilicata, i risultati degli ultimi sondaggi: chi è in testa

Ad oggi, la coalizione favorita resta sempre quella del centrodestra. Il governatore uscente Vito Bardi potrebbe essere riconfermato per un secondo mandato senza troppi sforzi. L’ultimo sondaggio lo vede favorito con il 55% delle preferenze, un dato molto alto se si prendono in considerazione i suoi avversari politici.

Il candidato del centrosinistra farà invece più fatica a conquistare il tanto ambito primo posto nella Regione Basilicata. Piero Marrese, ambizioso politico che ha già esperienza come presidente della provincia di Matera e come primo cittadino di un comune lucano, attualmente è fermo al 44%. Tra lui e Bardi c’è una differenza dell’11% che difficilmente sarà colmata. Le speranze si riducono ancora di più in quanto quel 44% di preferenze per Piero Marrese viene non solo dai partiti dell’area del centrosinistra, ma anche dal Movimento 5 Stelle (M5S) che ha sposato la strategia del campo largo.

Tra i candidati alle regionali in Basilicata figura anche un altro volto: Eustachio Follia. Questo nome è stato spesso menzionato quando si è parlato delle imminenti elezioni nella regione del sud Italia. Follia ha deciso di correre con il partito Volt. Purtroppo però i consensi sono molto bassi in quanto solo l’1% delle persone intervistate ha affermato che voterà il candidato di Volt alle regionali in Basilicata.

Alle prossime elezioni in Basilicata, però, potrebbero esserci anche clamorosi colpi di scena. Nei rilevamenti diffusi da Noto Sondaggi c’è un’importante percentuale di elettori indecisi, che ammonta al 27% delle persone intervistate. Si tratta di un numero che potrebbe influire in maniera significativa sul risultato finale e, volendo, colmare quel Gap che c’è tra la coalizione di centrosinistra e quella di centrodestra.

I sondaggi precedenti

Tra i sondaggi passati più attendibili ne esiste uno realizzato in data 18 ottobre 2023 da Swg per l’Ansa. Anche in quel caso il centrodestra era in testa con il 46,5% di preferenze.

La differenza con il centrosinistra, però, era minima. La coalizione, compresa sempre di M5S, era infatti al 40,5% ma il possibile candidato era diverso. Tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024, infatti, il nome che circolava tra gli ambienti della sinistra era quello di Angelo Chiorazzo, a cui è stato preferito, successivamente, Piero Marrese. Non è chiaro però se la scelta di cambiare candidato possa aver influito negativamente sul centrosinistra aumentando il Gap tra le due coalizioni.

Anche nel sondaggio che risale al mese di ottobre 2023 il numero di indecisi era molto alto e corrispondeva al 30% degli elettori intervistati.

Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Redattore, classe 1994. Sono nato a Napoli ma ho vissuto un po’ in Toscana dove mi sono laureato in Scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università degli Studi di Siena e un po’ a Milano dove mi sono specializzato in Cooperazione Internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Sono appassionato di politica, attualità, sport (grande tifoso del Napoli), cinema e libri. Nel tempo libero mi dedico alla scrittura di racconti e quando ho tempo viaggio.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate