Bonus da 300 euro pronto per essere richiesto. Tutte le famiglie, a prescindere dall’ISEE, potranno ottenere un contributo pensato per dotarsi di una connessione Internet. I nuclei familiari, nel rispetto dei requisiti fissati da Infratel, avranno tempo fino al 31 maggio 2022 per inviare le domande. 

Nella lunga lista di Bonus al momento attivi e richiedibili spunta un nuovo contributo, questa volta indirizzato alla digitalizzazione: si potrà godere di uno sconto fino a 300 euro per l’installazione di una connessione internet con velocità di almeno 30 Mbps al secondo.

Un’occasione da prendere al volo considerata l’assenza del vincolo ISEE da rispettare per la presentazione delle nuove domande entro il 31 maggio.

Chi si trova senza una connessione internet, o ne utilizza una che fa i capricci, potrà sfruttare la chance offerta da Infratel richiedendo il Bonus da 300 euro rivolto a tutte le famiglie. E l’ISEE non serve per l’attribuzione del contributo.

Ciò non esclude il rispetto di altri requisiti, fortunatamente non molto vincolanti.

Senza perdere altro tempo, vediamo subito in cosa consiste il Bonus Internet veloce da 300 euro, come funziona, le condizioni da soddisfare per poter accedere al contributo e come le famiglie potranno farne domanda entro il 31 maggio 2022.

Prima ancora di entrare nel merito del Bonus 300 euro per tutte le famiglie, vi lasciamo alla visione di un interessante video YouTube di Mr LUL lepaghediale contenente tutte le informazioni sui Bonus attivi e richiedibili nel 2022.

Bonus 300 euro a tutte le famiglie, no ISEE: come avere internet veloce

Nella lunga lista di Bonus 2022 introdotti o riconfermati dal Governo Draghi c’è posto per un Bonus da 300 euro indirizzato a tutte le famiglie. 

Una novità che va ad unirsi al tanto discusso Bonus da 200 euro inserito nel recente Decreto Aiuti e rivolto ai pensionati, ai percettori di Reddito di Cittadinanza, oltre che disoccupati. 

Si tratta di un Bonus da 300 euro, no ISEE, che permette di avere internet veloce a costi competitivi.

In verità, sono due le agevolazioni che permettono di risparmiare sulla connessione internet. 

La prima riguarda le imprese di medie-piccole dimensioni e i titolari di Partita IVA (Bonus Internet da 2.500 euro), la seconda apre la strada ad un nuovo Bonus Internet 300 euro per tutte le famiglie, anche quelle sprovviste di ISEE.

Ma quest’ultima a chi spetta? Il Bonus 300 euro è indirizzato a tutti i nuclei familiari privi di una connessione internet o desiderosi di passare ad un nuovo operatore per migliorare le prestazioni in termini di velocità.

Sono questi i beneficiari dello sconto pensato da Infratel in fase di sottoscrizione del nuovo contratto.

Volendo essere più precisi, il Bonus 300 euro accessibile a tutte le famiglie no ISEE offre la possibilità di dotarsi di una connessione internet veloce (almeno 30 Mbps in casa). 

Bonus 300 euro senza ISEE, a tutte le famiglie: chi può richiederlo entro maggio?

Offerta una descrizione generale del Bonus 300 euro rivolto a tutte le famiglie, anche senza ISEE, entriamo più nei dettagli cercando di capire chi potrà usufruire dello sconto sulla connessione Internet veloce.

Non tutti potranno presentare le domande per ottenere il riconoscimento del voucher entro il 31 maggio 2022.

E’ Infratel ad aver definito la platea dei beneficiari del Bonus no ISEE da 300 euro.

Come riportato dal sito internet della società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico, il contributo spetta a tutte le famiglie che non hanno una connessione internet attiva o che, pur disponendo del servizio, vogliono avere maggiori prestazioni in termini di velocità.

Pertanto, si potrà richiedere il Bonus 300 euro per passare ad una fibra pura, misto rame o fisso wireless, solo sottoscrivendo un contratto biennale.

Superati i due anni si potrà passare ad un altro operatore senza pagare alcun costo.

Bonus 300 euro, internet a tutte le famiglie: oltre all’ISEE quali sono i requisiti

Passiamo ora a vedere quali requisiti occorre possedere per accedere allo sconto previsto sulla stipula di un contratto di connessione internet veloce. Allo stato attuale, non sono molte le informazioni disponibili sul Bonus 300 euro.

L’unica certezza è sui beneficiari. L’agevolazione spetta a tutte le famiglie ed è completamente svincolata dal rispetto di soglie patrimoniali e reddituali, ISEE compreso.

I requisiti più importanti fanno riferimento alla connessione da installare. Il Bonus da 300 euro copre solo le installazioni che assicurano una velocità di connessione di almeno 30 Mbps (download) con contratto biennale di fornitura.

Tutte le famiglie potranno scegliere se passare ad un nuovo operatore, oppure stipulare un nuovo contratto con una differente compagnia.

Il Bonus Internet veloce da 300 euro no ISEE è univoco: tutte le famiglie potranno richiedere un solo contributo, fruibile entro il 31 maggio 2022.

Bonus Internet veloce, 300 euro senza ISEE a tutte le famiglie entro maggio: quando inviare le domande?

Il Bonus Internet veloce da 300 euro indirizzato a tutte le famiglie è già attivo? Sono aperte le consultazioni per decidere l’entrata in scena del contributo, ma per il momento la finestra temporale deputata all’accoglimento delle domande non è aperta.

Stando alle ultime notizie, il Bonus da 300 euro per tutte le famiglie potrebbe essere disponibile dopo fine maggio 2022. 

Attenzione a non fare confusione tra Bonus Internet veloce da 300 euro e Bonus PC. Questo, a differenza del primo, è rivolto esclusivamente alle famiglie titolari di un reddito ISEE inferiore a 20.000 euro.

Solo in caso di esito positivo delle consultazioni fra i vertici europei, il Ministero per lo Sviluppo Economico provvederà ad emanare il decreto attuativo dell’agevolazione. 

Il provvedimento servirà a definire i requisiti da possedere per beneficiare del Bonus 300 euro e la procedura di inoltro delle domande.

Non solo Bonus 300 euro no ISEE per tutte le famiglie: un voucher di 2.500 euro per le imprese. In cosa consiste?

Mentre si attendono novità sul Bonus Internet veloce da 300 euro no ISEE, le imprese e le Partita IVA hanno ancora la possibilità di accedere ad un’agevolazione di 2.500 euro.

Le stesse possono coprire le spese sostenute per l’installazione di una connessione veloce (almeno 30 Mbit al secondo) richiedendo un voucher di importo variabile: si va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 2.500 euro.

Anche in questo caso, si tratta di un Bonus senza ISEE non vincolato al rispetto di soglie di fatturato. Gli importi varieranno in base alla velocità di connessione (download) e alla durata del contratto sottoscritto.

Come per il Bonus 300 euro rivolto a tutte le famiglie senza ISEE, le imprese e le Partita IVA potranno usufruire del voucher fino a 2.500 euro una sola volta. Saranno gli operatori ad accogliere le domande ricevute

Per quanto concerne la fruizione, invece, il Bonus 2.500 euro si potrà ottenere fino al 15 dicembre 2022, o comunque fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

Bonus internet veloce per imprese e Partita IVA, no ISEE: quali sono gli importi

Dopo il Bonus 300 euro rivolto a tutte le famiglie, vediamo quali sono gli importi del Bonus Internet veloce per imprese e Partita IVA. Come accennato in precedenza, si va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 2.500 euro.

In particolare, un Bonus da 300 euro (Voucher A1) spetta alle imprese che sottoscrivono un contratto (18 -36 mesi) per una connessione da 30 Mbit/s e 300 Mbit/s. 

Per velocità compresa tra i 300 Mbit/s e 1 Gbit/s si potrà ottenere uno sconto massimo di 500 euro (Voucher A2).

 Un Bonus da 2000 euro (contratto 24/36 mesi) va alle imprese che decidono di installare una connessione internet di oltre 1 Gbit/s. 

Tutte le informazioni dettagliate sugli importi le trovate nel sito Invitalia, nell’area del sito dedicata al Bonus senza ISEE per le imprese.