Anche per quest’anno 2022 i bonus e le agevolazioni economiche pensate per sostenere le famiglie italiane sono davvero tante. E, tra le agevolazioni attualmente a disposizione, i bonus INPS meritano un cenno a parte.

Infatti, moltissime delle misure concesse dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale hanno aiutato le famiglie della nostra Penisola durante questo particolare periodo di crisi, esacerbato dall’emergenza sanitaria.

Molte volte, tra l’altro, non viene richiesto ISEE per poter accedere ai bonus INPS.

Non possiamo purtroppo occuparci di tutte le agevolazioni INPS attualmente attive in un unico articolo; in questo pezzo, nello specifico, ci occuperemo del bonus che consente di ottenere 780 euro mensili per un totale di sei mesi, conferiti in un unico importo da ben 4.680 euro totali.

Lo anticipiamo subito: purtroppo non tutti potranno richiederlo.

Cerchiamo quindi di capire in cosa consiste la misura economica di sostegno, chi può accedervi e chi potrà inviare domanda all’INPS.

Bonus INPS 2022 da 780 euro: di cosa si tratta

Iniziamo, per prima cosa, col definire qualche caratteristica saliente del bonus INPS in questione.

Non si tratta, comunque, di un bonus nuovo concesso dall’Istituto a partire dall’anno corrente: questo beneficio da 780 euro, infatti, esiste già da qualche anno.

Come si diceva, si potrà contare su ben sei mensilità, che non vengono però erogate per sei mesi, una volta al mese, ma in un unico bonifico.

Il nome ufficiale di questo bonus INPS è “Beneficio addizionale per l’autoimprenditorialità: questo lascia già intendere lo scopo ultimo dell’agevolazione.

Si vuole infatti incentivare l’avvio di attività economiche in proprio nel nostro Paese, agevolando coloro che decidono di dedicarsi ad un nuovo percorso lavorativo in autonomia.

Non tutti gli aspiranti lavoratori in proprio, però, potranno presentare domanda all’Istituto.

Il bonus INPS 2022 da 780 euro può infatti essere richiesto solamente nel rispetto di rigidi requisiti, che andremo adesso ad analizzare.

Bonus INPS da 780 euro al mese: chi può accedere

Nell’analizzare i requisiti richiesti che permetteranno l’accesso al bonus INPS da 780 euro mensili, dobbiamo innanzitutto analizzare un primo paletto che non permetterà le richieste.

Per poter ottenere il bonus, infatti, bisognerà risultare regolarmente titolari di Reddito di Cittadinanza.

L’INPS ha infatti aperto le richieste del Beneficio addizionale solamente a chi percepisce Reddito di Cittadinanza, e non a tutti gli italiani.

La ragione è presto spiegata: si parla spesso del RdC come di una misura non in grado di garantire il reinserimento dei percettori nel mercato del lavoro

Con questo bonus INPS, invece, si vogliono dare strumenti concreti ai titolari di Reddito di Cittadinanza per rimettersi in gioco lavorando per conto proprio.

Bonus INPS da 780 euro: altri requisiti richiesti

Ma percepire il Reddito di Cittadinanza non basta.

Chi vorrà richiedere il Beneficio addizionale dovrà anche provvedere al rispetto di molti altri requisiti, che andremo ad analizzare insieme dettagliatamente.

Innanzitutto, si potrà richiedere ovviamente soltanto nel caso in cui, nell’ultimo anno, si sia avviata un’attività in proprio, o si riesca ad attestare che tale attività verrà inviata a breve.

In secondo luogo, se si percepisce RdC da più di dodici mesi, si verrò automaticamente esclusi dalla domanda, perché questo bonus INPS non è aperto ai titolari di Reddito di Cittadinanza di lunga data.

Non si può, poi, richiedere il bonus INPS da 780 euro più volte per la stessa famiglia.

Detto altrimenti, se un componente del medesimo nucleo familiare ha già richiesto il Beneficio addizionale, gli altri componenti del nucleo sono automaticamente esclusi.

Per quanto riguarda i requisiti delle attività imprenditoriali avviate, invece, non vi sono particolari criteri, requisiti o limitazioni da rispettare.

Bonus INPS 2022: 780 euro al mese, ma non per tutti!

Abbiamo già accennato in precedenza, ai paragrafi in alto, degli importi previsti. Tuttavia, i 780 euro mensili (e 4.680 euro totali) non saranno garantiti a tutti.

Quelli elencati sono infatti gli importi massimi cui i percettori di Reddito di Cittadinanza potranno aspirare: ma questo non significa che tutti gli aventi diritto riceveranno la stessa cifra da questo bonus INPS.

Questo perché gli importi esatti verranno calcolati, prima dell’erogazione, da parte dello stesso Istituto INPS.

L’agevolazione assumerà cifre differenti da beneficiario a beneficiario: cifre che dipendono sia da quanto il nucleo familiare richiedente percepisce ogni mese grazie all’assegno Reddito di Cittadinanza, sia dalla composizione stessa del nucleo richiedente.

Coloro che regolarmente percepiscono un RdC di 780 euro al mese, ad esempio, riceveranno sei mensilità aggiuntive di tale importo grazie a questo bonus INPS.

Chi invece può contare su assegni Reddito di Cittadinanza inferiori, di conseguenza riceverà un Beneficio addizionale di entità inferiore.

Modalità di erogazione del bonus INPS 2022 da 780 euro

Lo abbiamo già detto: anche se le mensilità previste sono sei, questo bonus INPS 2022 concesso come beneficio addizionale per chi vorrà rimettersi in gioco in proprio verrà concesso in unica soluzione.

Ma come viene erogata tale agevolazione?

L’INPS provvederà, dopo la preventiva valutazione e dopo aver stabilito la cifra esatta spettante al richiedente, a inoltrare un pagamento in forma di accredito diretto.

Niente crediti di imposta, eventuali sconti o risparmi sulle tasse quindi, ma un bonus INPS in denaro, che il richiedente riceverà a mezzo di bonifico.

Per questo, in sede di domanda, verranno richiesti gli estremi per erogare il pagamento in maniera diretta, nel caso in cui la domanda verrà accettata.

L’erogazione di tale bonus INPS ai percettori di Reddito di Cittadinanza avverrà entro il secondo mese dalla data di presentazione della domanda stessa.

Bonus INPS 2022 da 780 euro: come presentare domanda

In questo ultimo paragrafo ci dedicheremo all’analisi delle modalità di presentazione delle domande per il bonus INPS riservato ai titolari di Reddito di Cittadinanza.

Iniziamo subito col dire che, per poter avere diritto al Beneficio addizionale, la richiesta va inviata non oltre il trentesimo giorno dalla data di inizio dell’eventuale attività in proprio.

Passato questo termine, infatti, le domande verranno dichiarate non idonee e si perderà il diritto ad accedere al bonus INPS da 780 euro.

Per quanto riguarda, invece, la procedura vera e propria, le domande degli interessati andranno inviate direttamente attraverso il sito ufficiale dell’Istituto.

Una volta effettuata l’autenticazione, rigorosamente a mezzo di identità digitale (con CIE, CNS o SPID), si potrà inoltrare all’INPS domanda utilizzando quello che viene definito Modello Rdc-com esteso.

Come noto a chi percepisce Rdc, infatti, tale modello è il documento apposito che tutti i percettori di Reddito di Cittadinanza devono usare per comunicare all’INPS eventuali variazioni in merito al proprio status lavorativo, entro e non oltre trenta giorni dalla data di avvenuta variazione.

Non stupisce, dunque, che per poter richieder il bonus INPS da 780 euro sia necessario presentare tale modello.

Chi è arrivato fin qui, ha sicuramente interesse alla richiesta del bonus INPS 2022 di cui abbiamo fino ad ora discusso. Potrebbero quindi sorgere alcune domande in merito all’agevolazione: per questo, consigliamo sia di visitare la pagina dedicata sul sito INPS, sia di visionare il seguente contenuto a cura di Radio UCI.