Nuovo Bonus da 2.000 euro in soccorso dei nuclei familiari con figli disabili sotto tutela della Legge 104. Per beneficiare del concreto aiuto messo in campo a livello regionale basta presentare domanda entro il 30 settembre 2022. Vediamo subito chi sono queste famiglie che hanno diritto al contributo e i requisiti da possedere per ottenerne il riconoscimento.

Avere a che fare con un soggetto affetto da disabilità presente all’interno nel nucleo familiare è pur sempre difficile, specie se il disabile in questione è un figlio, soprattutto se in tenera età. 

La cura e l’assistenza di un disabile, soprattutto se si tratta di figli, oltre a rappresentare una spiacevole condizione, sottopongono le famiglie ad un esborso monetario considerevole.

Anche se i disabili tutti sono tutelati ad ampio raggio dalla Legge 104, servono soldi, tempo e il più delle volte anche assistenza domiciliare per non fargli mancare nulla e garantirgli un’esistenza libera e dignitosa.

Seppur l’entrata in vigore della Legge 104 risale al lontano 1992, non sono mancati nel corso degli anni i ritocchi alla norma per meglio adeguarla al contesto in evoluzione di anno in anno. 

Allo stesso tempo, il sostegno alla categoria degli invalidi è sempre stato assicurato dal Governo italiano, anche di recente con l’introduzione di nuovi Bonus e sostegni pensati proprio per tendere ancora di più la mano verso i soggetti con disabilità.

Molte volte, però, dove non arriva lo Stato, oppure in sinergia con esso, arrivano gli enti locali (Regioni e Province), proprio come nel caso del Bonus 2.000 euro recentemente introdotto da una Regione del Nord Italia. 

Scopriamo insieme di quale si tratta, come il Bonus 2.000 euro per i figli disabili potrà essere richiesto dai nuclei familiari presentando domanda entro e non oltre la data del 30 settembre  2022 e chi sono queste famiglie beneficiarie del contributo, senza dimenticare i requisiti da rispettare per ottenerlo.

Ecco le novità e tutti gli ultimi aggiornamento a riguardo.

Bonus 2.000 euro per le famiglie con figli disabili: in cosa consiste

Prima di vedere chi sono le famiglie beneficiarie del Bonus da 2.000 euro trattato in questa sede, va detto quale Regione ha messo in campo il contributo richiedibile dai nuclei familiari con figli disabili a carico. 

Si tratta della Valle d’Aosta. La misura, che consiste nell’erogazione di un sostegno economico alle famiglie residenti sul territorio della regionale, in verità non è proprio nuova di zecca. 

Stiamo parlando di un Bonus 2.000 euro, da erogare ai titolari di Legge 104, già attivato dalla Valle d’Aosta nel 2021, ma valevole per ben tre anni, dunque, fino al 2023. 

Conosciuto con il nome di voucher conciliazione Valle d’Aosta, il Bonus 2.000 euro è stato pensato dalla stessa regione per supportare esclusivamente le famiglie con figli invalidi, titolari di Legge 104, residenti nel territorio stesso.

Le domande, come già detto, possono essere presentate fino al 30 settembre 2022, senza alcuna eccezione di proroga.

Per farla breve, il Bonus fino al tetto massimo di 2.000 euro può essere utilizzato esclusivamente nella copertura di quei servizi che possono garantire alle famiglie un’assistenza adeguata per i figli titolari di Legge 104.

Stiamo parlando di qualsiasi tipo di assistenza: domiciliare o garantita da strutture professionali non fa alcuna differenza. 

Ovviamente, il personale che si occuperà dei figli disabili delle famiglie risultate beneficiarie del Bonus 2.000 euro sarà altamente professionale. Lo stesso dovrà assistere il titolare di Legge 104 nello svolgimento di attività socio-educative, ricreative, culturali e sportive, simili a quelle svolte nei tradizionali centri estivi.

Leggi anche: L’INPS rilascia 1.150 euro mensili a chi assiste un familiare con legge 104, ecco come

Legge 104, figli disabili? 2.000€ di Bonus a queste famiglie con domanda entro il 30/09

Arrivati a questo punto, ci resta da capire chi sono queste famiglie con figli disabili sotto tutela della Legge 104 che potranno cogliere al volo la chance offerta dalla Regione Valle d’Aosta. 

Innanzitutto, ai nuclei familiari interessati al Bonus 2.000 euro per i figli disabili è richiesta la residenza in uno dei Comuni della Regione. 

In secondo luogo, è importante rispettare un requisito legato all’età anagrafica dei disabili: solo per i figli dai 3 ai 21 anni di età, tutelati dalla Legge 104, si potrà presentare domanda entro il 30 settembre 2022.

Ma torniamo alle famiglie perché non tutte potranno richiedere il Bonus da 2.000 euro: l’opportunità è riservata solo a quelle composte da almeno un lavoratore titolare di Partita IVA. La stessa dovrà risultare attiva al momento della presentazione della domanda.

Diversamente, al Bonus figli disabili della Valle d’Aosta potranno partecipare i nuclei al cui interno è presente un lavoratore subordinato, o un componente iscritto al CPI che ha dato adesione ai programmi di inserimento nel mondo di lavoro (Politiche attive del lavoro).

Leggi anche: Legge 104: quali sono le agevolazioni per gli accompagnatori. Ecco come averle

Come fare domanda per il Bonus 2.000 euro

Presentare domanda per beneficiare del Bonus 2.000 euro per i figli disabili sotto tutela della Legge 104 è abbastanza semplice. Le famiglie residenti in Valle d’Aosta, in possesso dei requisiti sopra elencati, devono compilare il modello scaricabile sul sito internet ufficiale della Regione.

Ogni domanda deve essere corredata da una marca da bollo di 16 euro, una copia del documento d’identità del richiedente e completa in ogni parte. 

L’inoltro deve essere fatto tramite posta elettronica certificata all’indirizzo conciliazione@regione.vda.it, entro e non oltre il 30 settembre 2022.