Dal 10 gennaio il Governo Draghi ha messo in campo numerose restrizioni e regole per fronteggiare questo instancabile aumento dei casi di Covid-19.

Questo incremento si è sviluppato a ridosso delle feste natalizie, nel mese di dicembre, e sembra non volersi più fermare.

Le misure che ha adottato il governo riguardano tutti gli ambiti e vanno ad inficiare anche su quei posti, che, finora, non erano stati mai toccati né menzionati dal governo in precedenza.

Le regole che entreranno in vigore, a partire dal 10 gennaio, quindi, riguardano l'obbligo di possedere il super green pass se si intende:

Usufruire dei mezzi di trasporto, se si va nelle palestre, nelle piscine, negli alberghi e nelle strutture ricettive, nei bar e nei ristoranti, negli impianti sciistici e nella attività ed eventi culturali e ricreativi.

Il super green pass non si può più ottenere anche con il tampone, cosiddetto rapido, come succede per avere il green pass, ma si avrà bisogno solo ed esclusivamente della somministrazione del vaccino o della guarigione dal Covid-19, entro i 6 mesi.

Da pochi giorni, anche i bambini e i ragazzi possono ricevere la somministrazione della terza dose di vaccino, per cui è obbligatorio che questi la facciano se vogliono accedere ai servizi di cui abbiamo fatto accenno in precedenza.

Inoltre, il Governo Draghi ha deciso, a partire dal 1° febbraio, per l'obbligo di vaccinazione di quei soggetti che abbiano compiuto i 50 anni di età, pena la previsione di una sanzione in denaro di ammontare pari a 100 euro.

Un'altra regola che è stata ripristinata, con un iniziale grande stupore da parte di tutti, è stata quella dell'obbligo di indossare la mascherina, non soltanto nei luoghi chiusi, ma da adesso anche all'aperto.

In alcune circostanze, inoltre, il governo prevedere l'obbligo di indossare la mascherina FFP2 per accedere in alcuni posti.

Queste regole imposte dal Governo Draghi resteranno, fino a nuovo avviso, in vigore fino al momento in cui finirà lo stato di emergenza, la cui scadenza è prevista per il 31 marzo 2022.

In buona sostanza, queste regole dettate dall'esecutivo si possono tradurre in un lockdown per quei soggetti che non si sono fatti somministrare il vaccino.

Al di là di questi cambiamenti che sono entrati in vigore ed altri che ancora dovranno farlo, in Italia c'è ancora la divisione a zone, per individuare il tasso di rischio appartenente a ciascuna regione.

Questa divisione a zone è diventata ormai praticamente inutile, perché priva di quelle grandi differenze che esistevano fino a qualche tempo fa, prima che venissero stilate dal Governo Draghi queste nuove regole, le quali entreranno in vigore tra il 10 gennaio e il 1° febbraio.

Il cambio di colore di una regione dipende dal numero dei positivi sul numero degli abitanti, dal tasso di occupazione dei reparti ordinari e dal tasso si occupazione delle terapie intensive di quei pazienti che sono affetti da Covid-19.

Dal 10 gennaio 2022 quasi tutte le regioni italiane sono entrate in zona gialla. Poche sono le cose che cambieranno.

Continua a leggere l'articolo per conoscere tutto ciò che riguarda la zona gialla e le sue regole.

Inizialmente, potrai scoprire quali sono le soglie previste dal governo, sui dettami dell'Istituto Superiore della Sanità, per entrare in zona gialla e quali sono le differenze che intercorrono tra questa e la zona bianca.

Successivamente, andremo a vedere quando serve il super green pass in zona gialla e le regole relative a:

  • Spostamenti;
  • Scuola;
  • Bar e ristoranti;
  • Negozi e servizi alla persona;
  • Palestre e piscine;
  • Alberghi, strutture ricettive, terme e centri benessere;
  • Impianti sciistici;
  • Attività ed eventi culturali;
  • Discoteche.

Infine, per concludere, andremo a parlare delle regole che entreranno in vigore dal 10 gennaio.

Zona gialla regole Covid: quali sono le soglie per entrarci?

Il primo argomento sul quale ci soffermeremo in questa breve guida è quello relativo alle soglie previste oltre le quali una regione entra in zona gialla.

Nello specifico, ecco quali sono i parametri stabiliti, oltre i quali il governo considerata superata la soglia di sicurezza, e manda la regione in questione in zona gialla:

  • 50 casi di positività al Covid-19, ogni 100.000 abitanti;
  • Tasso di occupazione dei reparti ospedalieri, adibiti alla cura del coronavirus, del 15%;
  • Tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva del 10%.

Zona gialla regole Covid: differenze con la zona bianca!

Dopo aver visto quali sono le soglie oltre alle quali le regioni rischiano di entrare in zona gialla, andiamo adesso a vedere quali sono le differenze e le analogie che intercorrono tra questa e la zona bianca.

Il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla, alle regole attuali, non implica quasi nessun cambiamento per i cittadini.

Le uniche due variazioni sono che, in zona gialla è previsto l'obbligo di mascherina anche negli spazi aperti e l'obbligo di possedere il super green pass per mangiare nei bar e nei ristoranti, anche all'aperto.

Ma gli ultimi decreti emanati dal Governo Draghi hanno annullato anche queste due variazioni, dal momento che in tutta Italia vige l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto e, dal 10 gennaio, vige anche l'obbligo del super green pass per i bar e ristoranti, anche se all'aperto.

Gli altri obblighi li vedremo più in avanti, in maniera dettagliata, lungo il corso di questo articolo.

Zona gialla regole Covid: quando serve il super green pass?

Dopo aver parlato delle differenze tra le regole previste in zona gialla e quelle previste in zona bianca, passiamo adesso a vedere quando serve il super green pass.

Il super green pass si ottiene solo con la somministrazione della terza dose di vaccino oppure con la guarigione dal Covid-19 entro i 6 mesi.

Dal 10 gennaio entra in vigore l'obbligo di possedere il super green pass per accedere a molti luoghi e servizi.

Ecco qua sotto un elenco di questi:

  • Mezzi pubblici, sia di tipo locale che a lunga percorrenza;
  • Bar e ristoranti, sia al chiuso che all'aperto;
  • Palestre, piscine e ogni sport di squadra;
  • Alberghi e strutture ricettive;
  • Terme e centri di benessere;
  • Impianti sciistici;
  • Attività ed eventi culturali e ricreativi.

Zona gialla regole Covid: spostamenti

Con le nuove regole e restrizioni, ecco quali sono gli spostamenti che si possono effettuare solo con il possesso del super green pass:

  • Mezzi pubblici di trasporto locale;
  • Mezzi pubblici a lunga percorrenza (treni, aerei, navi);
  • Traghetti;
  • Autobus privati;
  • Taxi;
  • Noleggio con conducente (NCC).

Non sono invece vietati ai non vaccinati gli spostamenti tra una regione e l'altra.

Zona gialla regole Covid: scuola

Con le nuove regole e restrizioni, ecco cosa succede nel comparto scolastico.

Le regole sono diverse in base al tipo di scuola e al numero dei contagiati che ci sono.

Ecco quali sono le nuove regole negli asili nido:

  • Dal primo contagiato in classe, tutti in quarantena per 10 giorni.

Ecco quali sono le nuove regole nelle scuole primarie:

  • Al primo contagiato in classe, autosorveglianza e test antigenico il giorno stesso e dopo 5 giorni;
  • Dal secondo contagiato in poi, tutti in dad per 10 giorni.

Ecco quali sono le nuove regole nelle scuole secondarie, sia di primo che di secondo grado:

  • Al primo contagiato in classe, autosorveglianza e obbligo di indossare la mascherina FFP2;
  • Al secondo contagiato in classe, autosorveglianza e mascherina FFP2 per i vaccinati e, invece, dad di 10 giorni per i non vaccinati e per coloro che sono guariti dal Covid da 120 giorni;
  • Dal terzo contagiato in poi, tutti in dad per 10 giorni.

Zona gialla regole Covid: bar e ristoranti

Con le nuove regole e restrizioni, ecco dove si può consumare nei bar e nei ristoranti, solo con il possesso del super green pass:

  • Ai tavoli;
  • Al bancone;
  • All'aperto.

Zona gialla regole Covid: negozi e servizi alla persona

Da giovedì 20 gennaio, scatta l'obbligo di possedere il green pass per accedere a tutti i negozi e i servizi alla persona, come, per esempio, i parrucchieri e gli estetisti.

Zona gialla regole Covid: palestre e piscine

Dal 10 gennaio, scatta l'obbligo di possedere il green pass per accedere a tutte le palestre, le piscine ed in tutti quei luoghi dove si svolgono degli sport di squadra.

Zona gialla regole Covid: alberghi, strutture ricettive, terme e centri benessere

Con le nuove regole e restrizioni, ecco quali sono le strutture in cui si può andare solo con il possesso del super green pass:

  • Hotel;
  • Alberghi;
  • B&B;
  • Affittacamere;
  • Ostelli;
  • Terme;
  • Centri benessere.

Zona gialla regole Covid: impianti sciistici

Dal 10 gennaio scatta l'obbligo di possedere il super green pass per poter accedere a tutti i tipi di impianti sciistici, anche per quelli all'aperto.

Fino ad ora, invece, non era richiesto nessun certificato per accedere agli impianti sciistici all'aperto e, solamente, il green pass base per accedere a quelli al chiuso.

Zona gialla regole Covid: attività ed eventi culturali

Fino ad ora il super green pass era previsto per accedere a:

  • Cinema;
  • Teatro;
  • Concerti.

Dal 10 gennaio, invece, il super green pass sarà richiesto anche per le mostre e per i musei.

Zona gialla regole Covid: discoteche

Ad oggi, le regole sulle discoteche sono che queste resteranno chiuse fino al 31 gennaio.

Si aspettano ulteriori notizie per sapere che cosa succederà dal prossimo mese.

Covid: le regole in vigore dal 10 gennaio!

Ecco qua riassunte tutte le regole che entreranno in vigore a partire dal 10 gennaio 2022:

  • Diminuita da 5 a 4 mesi la data in cui si può ricevere la terza dose del vaccino;
  • Obbligo di vaccino per tutti gli over 50, a partire dal 1° febbraio, con sanzioni pecuniarie di 100 euro;
  • Super green pass per tutti gli over 50 sul posto di lavoro, a partire dal 15 febbraio;
  • Super green pass per mezzi di trasporto, bar, ristoranti, palestre, piscine, alberghi, strutture ricettive, terme, centri benessere, impianti sciistici, attività ed eventi culturali e ricreativi;
  • Green pass base per i servizi alla persona, come parrucchieri ed estetisti, a partire dal 20 gennaio;
  • Green pass base per accedere agli uffici pubblici, le poste e le banche, a partire dal 1° febbraio;
  • Niente green pass per andare al supermercato, negli alimentari, in farmacia, nelle edicole e nei servizi primari definiti essenziali.