Isee, che cosa rientra e come incide l’auto nel bilancio della dichiarazione

Isee 2024, quanto pesa sul bilancio della dichiarazione possedere un auto di proprietà? Ecco cosa devi sapere

L’Isee, Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è uno strumento fondamentale per l’accesso a determinate agevolazioni e servizi sociali in Italia. Il calcolo dell’Isee si basa su diversi fattori che ne influenzano il valore, tra cui patrimonio, redditi e composizione del nucleo familiare. Con l’aggiornamento delle normative, sono emerse novità significative riguardanti l’inclusione dei veicoli nel calcolo e altre variabili che incidono sul risultato finale.

Quali sono i valori che fanno aumentare l’Isee

L’Isee si calcola considerando diversi elementi del patrimonio familiare, sia mobiliare che immobiliare, insieme ai redditi dei componenti del nucleo. Tra questi, il patrimonio immobiliare, i depositi bancari, gli investimenti e altri beni mobiliari hanno un peso significativo. Anche i redditi da lavoro dipendente, autonomo, pensioni e altre entrate influenzano direttamente l’aumento del valore dell’Isee.

È importante ricordare che, a partire dal 2015, anche i veicoli posseduti da ogni componente del nucleo familiare devono essere dichiarati, anche se, come vedremo, la loro incidenza sul calcolo è oggetto di specifiche considerazioni.

Quanto incide l’auto sull’Isee 2023

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i veicoli, inclusi nell’Isee dal 2015 per contrastare i cosiddetti “finti poveri”, non incidono direttamente sul valore dell’attestazione. Questo approccio mira a valutare il tenore di vita del nucleo familiare in maniera più accurata. Tuttavia, è fondamentale dichiarare i veicoli posseduti al momento della presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), poiché l’omissione può portare a sanzioni severe, senza però influenzare l’ammontare dell’Isee.

Come si fa ad abbassare l’Isee

Abbassare l’Isee è una strategia lecita per accedere a determinati benefici statali. Tra le tattiche comunemente adottate ci sono la ridistribuzione del patrimonio mobiliare, come spostare somme di denaro su conti intestati ai figli, se questi non rientrano nel nucleo familiare per il calcolo dell’Isee. Inoltre, aumentare le spese deducibili, come quelle per l’istruzione superiore, sanitarie e per interventi di ristrutturazione energetica, può contribuire a ridurre il valore dell’Isee. È importante, però, procedere sempre nel rispetto delle normative vigenti per evitare rischi di sanzioni.

Leggi anche: ISEE 2024: di quanto sarà l’aumento e quale sarà l’impatto dei soldi sul conto

Quanto incide la casa di proprietà ai fini Isee

La casa di proprietà rappresenta uno dei fattori che influenzano l’Isee. Il valore dell’immobile, insieme al reddito catastale, entra nel calcolo dell’indicatore, incidendo sul risultato finale. Tuttavia, la prima casa di abitazione è esclusa dal patrimonio mobiliare considerato ai fini del calcolo, mentre le eventuali seconde case e altri immobili di proprietà aumentano il valore dell’Isee. Questo aspetto evidenzia l’importanza di una corretta valutazione e dichiarazione del patrimonio immobiliare posseduto.

La gestione accurata delle informazioni relative ai beni mobiliari e immobiliari, compresi i veicoli, è importante per un corretto calcolo dell’Isee. La trasparenza e l’accuratezza nella compilazione della DSU sono fondamentali per evitare sanzioni e per assicurare l’accesso alle agevolazioni previste. Conoscere i fattori che influenzano l’Isee e le strategie per ottimizzare la propria situazione può fare una grande differenza nel navigare il sistema di welfare italiano.

Leggi anche: Isee basso? Ecco l’elenco delle agevolazioni e i bonus da richiedere nel 2024

Roberta Luprano
Roberta Luprano
Copywriter, classe 1995. Creativa e sempre a caccia di nuove cose da imparare che stimolino la mia innata curiosità, ho iniziato la mia carriera con il diploma di Perito Informatico, in quanto da sempre appassionata di tecnologia e social media. Successivamente ho proseguito la mia formazione in ambito di Copywriting e Social Media Marketing che mi ha poi permesso di lavorare per imprese, startup e small business in diversi settori. In parallelo, ho approfondito la mia passione per i libri e il mondo editoriale, formandomi e lavorando anche come curatrice editoriale per agenzie letterarie e case editrici. Motto: I grandi cambiamenti partono dalle semplici parole.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate