Quanto valgono le carte Pokémon di Prima Edizione (e come riconoscerle)

Le carte Pokémon di Prima Edizione possono costare molto più delle altre, specie se di espansioni rare. Vediamo quanto valgono.

Quando si parla di carte collezionabili, sono presenti tantissimi elementi che rendono questo mondo una manna per gli appassionati. Essi si divertono a cercare l’edizione più particolare, rara e introvabile.

È proprio il caso delle carte Pokémon, in cui esiste una caratteristica chiamata Prima Edizione che talvolta fa schizzare i prezzi alle stelle. Ecco cos’è la Prima Edizione e quanto valgono le carte di questo genere.

Cosa sono le carte di Prima Edizione

La “Prima Edizione” di Pokémon consiste nella primissima stampa e pubblicazione delle carte di una certa espansione (cioè un set di carte). Tutte le stampe successive sono invece dette “Unlimited”.

Questo è un concetto che sarà familiare ai fan dei fumetti: la Prima Edizione somiglia alla stampa originale di un volume, le Unlimited sono come delle ristampe.

Proprio come nei fumetti, la Prima Edizione di Pokémon ha senso unicamente in ambito collezionistico. Non ha nulla a che fare con le regole del Gioco di Carte Collezionabili: tutto ciò che cambia è solo il valore che la gente attribuisce alla carta.

Tra l’altro, la Prima Edizione è un elemento che è stato presente solo alle origini delle carte Pokémon. La casa produttrice americana, Wizards of the Coast, ha deciso di rimuoverlo dopo l’espansione Neo Destiny del lontano 2002.

Neo Destiny era solo l’11° espansione del quasi neonato gioco, stiamo parlando dei Pokémon della regione di Johto, la seconda del franchise. Ne risulta che la Prima Edizione sia stata tolta molto presto, quindi la posseggono solo carte davvero datate – il che ne aumenta ancor più il valore.

In questo discorso fa eccezione il Giappone, dove la distinzione tra prima edizione e unlimited continua a esistere.

Come riconoscere le carte Pokémon di Prima Edizione

Per fortuna non è difficile riconoscere le carte Pokémon di Prima Edizione. Esse erano contraddistinte da un simbolo aggiuntivo stampato sul lato sinistro della carta, ad altezza centrale, appena di fianco della barra che contiene le caratteristiche fisiche del Pokémon (specie, peso e altezza).

Il simbolo è un cerchio nero, con un numero 1 dal colore del tipo del Pokémon incastonato all’interno. Una scritta intorno al cerchio compone la dicitura intera che va letta come “1st Edition”, appunto “Prima Edizione”.

Il simbolo è l’unico modo per riconoscere una Prima Edizione. Se una carta occidentale di queste prime 11 espansioni non contiene alcun simbolo di fianco alla barra delle caratteristiche, allora non c’è scampo: è una carta Unlimited, cioè una ristampa.

Nelle versioni giapponesi delle carte recenti, la stampa “1st Edition” è spesso inserita nell’angolino in basso a sinistra della carta, ma con un simbolo un po’ diverso: un grosso “1” nero con una barra orizzontale al di sotto che recita “Edition”.

Quanto valgono le carte Pokémon di Prima Edizione

Veniamo adesso al valore. Come avrete capito, tutte le carte di Prima Edizione esistono anche in versione Unlimited, perché tutte le espansioni Pokémon venivano (e vengono) sempre ristampate.

Tra i collezionisti, però, le due versioni hanno un costo molto differente. Questo perché la Prima Edizione era una sola, e restava in giro per poco tempo, fino all’esaurimento delle scorte. Le Unlimited, invece, erano tante e continuavano a circolare per anni.

E il collezionista insegue sempre il pezzo più sfuggente! Viste le sue caratteristiche, il valore di una Prima Edizione non è fisso, ma varia da carta a carta. Tendono a costare almeno 4-5 volte più della versione Unlimited. Ma più vale la carta di base, più il valore della Prima Edizione si moltiplica.

Ad esempio, un Ninetales del Set Base potrebbe valere attorno ai 10 euro in Unlimited, ma oltre 50 euro in Prima Edizione. Se invece pensiamo a Blastoise, una delle più rare del Set Base, la Unlimited costa intorno ai 50 euro, ma la Prima Edizione sfonda facilmente i 300-350.

E se ci rivolgiamo alla carta più popolare di tutti, il mitico Charizard nella variante Shadowless, comprendiamo fin dove arrivi questo discorso: una Unlimited in ottime condizioni costerà parecchie centinaia di euro, ma una Prima Edizione ben tenuta supera facilmente i 10.000 o 20.000 euro – fino a sfiorare i 100.000 se le condizioni sono semi-perfette.

Le condizioni, infatti, si sommano all’anzianità delle carte e alla stampa della Prima Edizione. Ecco cosa consente a un Lugia di Neo Genesis in perfetto stato di superare i centomila dollari. Cifre spaziali.

Ivan Cunzolo
Ivan Cunzolo
Copywriter e SEO Web Writer freelance, classe 1993. Sono nato e vivo a Napoli, amando la mia città. Sin da piccolo ho sempre scritto senza fermarmi mai, prima sulla carta, poi al computer. Al desiderio di diventare giornalista ho unito il nascente interesse per marketing e tecnologie. Mentre iniziavo con tonnellate di articoli in progetti sul web di pura passione, mi sono laureato in Culture Digitali e della Comunicazione alla Facoltà di Sociologia dell'Università Federico II. Da 6 anni sono Copywriter e Web Writer freelance, specializzato nella scrittura SEO.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
765FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate