I mesi più caldi sono il periodo prefetto per chi desidera celebrare un matrimonio all’aperto, in grande stile. E poiché si tratta di un evento organizzato nei minimi dettagli il cui costo non è indifferente, è utile leggere alcuni consigli per poter regalare loro un aiuto economico che, anche se piccolo, può fare la differenza.

Vediamo quanto mettere in busta qualora foste invitati (e non) alla cerimonia.

Quanti soldi mettere nella busta regalo di un matrimonio?

Il giorno del matrimonio è un momento speciale, ricco di sana tensione ed emozioni contrastanti sia per la sposa che per lo sposo. Il mattino in cui ci si prepara prima di arrivare in chiesa non è un mattino qualunque ma l’attimo infinito che li separa dal diventare marito e moglie per tutta la vita. Se per la sposa, la paura di non saper camminare sui tacchi senza inciampare nel vestito è il vero nemico del “tutto deve andare bene”, per l’uomo è il non sapersi trattenere dal pianto non appena la vede comparire, bellissima e sua come non mai.

I genitori di entrambi si guardano con gli occhi complici, i testimoni si godono il momento dopo mesi e mesi di preparativi e sostegno morale mentre gli invitati non vedono l’ora di lanciare il riso e fare festa.

Sebbene in molti non ci facciano caso, l’elemento che può rivoluzionare o distruggere l’atmosfera di un matrimonio è proprio quello rappresentato dagli invitati. Possono essere amici di lunga data, colleghi di lavoro, parenti alla lontana o cugini che vivono chissà dove, ma pur sempre parte integrante del tutto. Se amano far festa, brindare e pranzare senza cadere nell’imbarazzo del primo impatto conoscitivo allora sono quelli giusti, perché animano la giornata rilassando a loro volta gli sposi. E quando arriva il momento della torta e dei saluti, niente può far più piacere che vederli sorridere della felicità altrui.

Se dovessimo guardare al lato pratico della storia, gli invitati sono un complemento d’arredo dell’intero matrimonio. La sposa esprime le volontà sugli abiti e il colore da indossare (se il matrimonio è a tema) o sono gli ospiti stessi a chiedere se vi sono preferenze e stili da rispettare, e anche se questa cosa potrà sembrarvi strana capita più spesso di quanto non pensiate.

Fortunatamente, l’unica cosa a non essere poi così tanto toccata da indicazioni è la scelta del regalo. Questo, infatti, può essere scelto da una lista nozze pre-compilata oppure essere acquistato in totale libertà; può essere un regalo fisico (come una cornice d’argento, un set da caffè, un copriletto ecc.) oppure essere un regalo in denaro.

La classica busta è ciò che la coppia si aspetterebbe di ricevere ma anche il più gradito dei regali, perché può aiutarli a pagare parte della cerimonia o costituire l’inizio di qualche risparmio futuro. Ma ora vi chiederete, quanto deve valere questa busta?

Qual è la cifra corretta di soldi che un invitato deve inserire per non fare brutta figura? E se non partecipo ma mi va di farla lo stesso, quanto devo mettere?

In realtà non vi sono obblighi e parametri specifici ai quali attenersi ma, in un’ottica che si basa sul rapporto che avete con gli sposi, esistono delle regole non scritte di bon ton che potrebbero essere applicate anche a questo aspetto.

Per sapere con esattezza quanto mettere in busta, esiste un’equazione utile che spesso viene utilizzata per far fronte a questo tipo di dilemma, ovvero: € = (B/2+I) *(C + (C * 30%)) *P*D

Analizzando i vari fattori la formula si traduce nella maniera riportata qui sotto:

  • l' importo in busta è uguale al numero dei bambini più il numero degli invitati in famiglia
  • si moltiplica il tutto per il costo presunto del ristorante più il costo del ristorante moltiplicato per il 30%
  • la somma totale va moltiplicata per il coefficiente di relazione di parentela e al coefficiente di squarciunaria, ossia il mettersi in mostra.

Per farla più semplice, l’importo della busta dovrebbe considerare prima di tutto:

  • il grado di parentela che avete con gli sposi
  • il ruolo che ricoprirete nella cerimonia
  • il costo del menu a persona
  • se avete figli che vengono con voi

Se siete in due più un bambino e siete ospiti normali con un grado di conoscenza livello base allora potrete mettere dai 100 ai 120 euro mentre, nel caso foste ospiti amici o colleghi degli sposi allora potrete mettere dai 120 ai 150 euro in busta.

Gli amici stretti e i parenti di secondo grado invece, dovrebbero mettere dai 150 ai 200 euro mentre i fratelli, le sorelle e i migliori amici dovranno andare più su dei 200 euro.

Gli zii e i cugini più stretti potranno regalare dai 400 ai 600 euro.

Se siete i testimoni degli sposi, va da sé che il corrispettivo in denaro nella busta non debba essere misero ma toccare una soglia piuttosto alta. Essere testimone di uno dei due o di entrambi è un orgoglio e un onore che non spetta a tutti, oltre ad essere un ruolo ancor più importante di quello che ricoprono i genitori. Dovrete alzare la posta in gioco e sborsare almeno 700 euro dal momento che sarete il “garante” della storia dei due sposi e della loro volontà di unione.

Per quanto riguarda i genitori degli sposi, secondo statistiche recenti si nota come le cifre diventino sempre più alte. Finora, l’ammontare versato parte da un minimo di € 2.000 ad un massimo di € 5.000 in modo che i propri figli possano avvantaggiarsi con l’arredo di una nuova casa oppure aiutarsi con il pagamento stesso della cerimonia. Nel caso in cui foste i nonni degli sposi, preparate bene il portafogli perché sicuramente non potrete sborsare meno di € 1.000.

Il momento giusto in cui consegnare la busta è al termine del matrimonio, o meglio dire al termine del ricevimento in modo tale che non si crei imbarazzo in sala e non siate gli unici ad alzarvi dal tavolo durante il pranzo. E ricordate di inserire sempre il vostro nome in modo che, anche se dovesse essere recapitata da qualcun altro, gli sposi possano avere l'occasione di sapere chi ringraziare. 

LEGGI ANCHE: Bonus matrimonio e sposi 2022: i requisiti per avere 2.000€!

Quanto regalare in busta se non si partecipa al matrimonio?

E se a questo matrimonio favoloso non si potesse partecipare o si scegliesse di non partecipare appunto perché non si dispone della cifra economica giusta?

Niente paura, in questo caso si può coprire almeno il costo di quello che sarebbe stato il vostro menu senza andare al di sotto dei 100 euro. A questo proposito, oltre ai soldi sarà un gesto di grande cortesia allegare un biglietto in cui si spiegano le ragioni del declino all’invito che possono essere collegate anche ad altre dinamiche come quelle lavorative e quelle strettamente personali.

Il “come farlo” può pregiudicare l’eleganza con sui si compie questa gentilezza e non peccare di cattivo gusto.

Il galateo vuole che prima di fornire spiegazioni, ci si debba congratulare con la coppia, condividendo questo momento di gioia anche se non si potrà assistervi. Si deve inviare questo biglietto con busta (o tramite bonifico) in un tempo consono, senza attendere che siano gli sposi stessi a sollecitare una conferma a poche settimane dall’evento.

L’importante è che la risposta rispetti la forma della domanda.

Se questa è avvenuta tramite lettera, la risposta dovrà arrivare tramite lettera; se questa arriva con una semplice email, la risposta potrà essere inviata nella stessa forma.

Ciò che conta è rispettare le tre fasi fondamentali del perfetto declino:

  • ringraziare e dire quanto si è dispiaciuti di non poter partecipare ad un momento così importante
  • esprimere il desiderio di essere lì ma di non poter esserci per un determinato motivo
  • chiedere scusa ma spiegare che la data del matrimonio coincide con altri impegni già presi e dunque, irrevocabili ma essere disponibili per congratularvi di persona di fronte ad una cena o ad un caffè.

Le cause della vostra mancata partecipazione potranno vertere su motivi economici, motivi logistici o di lontananza fisica, legame di circostanza o un imprevisto inimmaginabile.

Sicuramente gli sposi capiranno e vi saranno grati del pensiero, oltre che del vostro regalo.

Cosa regalare ad un matrimonio: 20 idee semplici e originali

La busta è un regalo sempre apprezzato perché consente agli sposi di poter fare quello che vogliono, in completa autonomia. I soldi contenuti possono essere desinati a pagare parte della cerimonia, tornare utili durante il viaggio di nozze oppure essere messi da parte per un acquisto più grande.

Ciò che li rende un aiuto consistente quindi, non è solo il peso che hanno (in termine di valore) ma anche il fatto che possano essere spesi in qualsiasi momento e per far fronte a qualsiasi necessità. Sebbene però questo tipo di presente sia il preferito di molte coppie di sposini, la tradizione di regalare qualcosa di fisico continua a resistere nel tempo.

Le cornici in argento, il set di tazzine da caffè, gli elettrodomestici, il copriletto prezioso sono tutte ottime alternative alla busta ma a volte bisogna essere creativi e saper sorprendere. A questo proposito torna utile la lista delle idee migliori del 2022, per farvi fare bella figura con gli sposi.

La classifica contiene oggetti di tutti i tipi, ovvero:

  • un volo in mongolfiera
  • una giornata in un centro benessere
  • un pernottamento per 2 in un igloo
  • una crociera last minute
  • una notte tra le stelle
  • chef a domicilio
  • spillatrice di birra per la casa
  • friggitrice
  • robot da cucina
  • cantinetta refrigerata per le bottiglie di vino
  • decanter con calici abbinati
  • stampante foto per tablet e smartphone
  • set di piatti decorati a mano
  • batteria in acciaio
  • giradischi in legno
  • fontana di cioccolato
  • macchina per il pane
  • macchina per la pasta
  • set di posate d'argento
  • corredo per la notte in seta

Ognuna di queste idee ha un costo diverso e può essere scelta il base al proprio budget senza avere l’impressione di aver regalato una cosa poco gradita. Gli sposi saranno felici di avere in casa qualcosa che ricordi il vostro affetto e il vostro interesse nei loro confronti in un giorno così speciale ed unico. Diversamente, potranno approfittare dell'aiuto economico contenuto nella vostra busta (piccolo o grande che sia). Del resto lo sanno tutti; un regalo è sempre un regalo e la coppia lo vedrà sempre come un gesto gradito ed un augurio per uan vita felice.