Bonus affitto e agevolazioni sul canone di locazione per tutti: se hai un ISEE basso e hai affittato un’abitazione o una stanza, se sei un giovane studente o un lavoratore, potresti aver diritto a sconti e detrazioni fiscali sul canone di affitto. Come ottenerle? 

Non tutti sanno che è ancora possibile richiedere il bonus affitto per i giovani under 31, che permette di ottenere fino a 2.000 euro di sconto sul canone di locazione, solo per chi possiede un reddito basso. 

Ma esistono anche moltissime altre agevolazioni sul canone da parte delle Regioni per le famiglie in difficoltà: il bonus affitto Lombardia, per esempio, permette di ottenere fino a 3.000 euro di sconto sul canone di locazione per alcune mensilità. Anche la Sicilia aveva elargito un bonus affitto fino a 3.000 euro alle famiglie con ISEE basso.

Scopriamo subito quali sono i bonus affitto e tutte le agevolazioni da richiedere per risparmiare sul canone di locazione di un immobile o di una stanza. Novità!

Affitto, quali sono i bonus da richiedere subito?

Sei in affitto? Hai un ISEE basso e non riesci a sostenere tutte le spese? Lo sapevi che puoi ottenere bonus e agevolazioni sul canone di locazione mensile fino a 3.000 euro dalla tua Regione? E se hai meno di 31 anni, lo Stato ti regala fino a 2.000 euro di bonus sull’affitto. Scopriamo subito se hai i requisiti per ottenere questi bonus affitto.

Anzitutto, questo è l’elenco di tutte le agevolazioni e i bonus affitto attualmente attivi:

  • Bonus affitto Lombardia – scadenza al 31 dicembre 2022;
  • Bonus affitto per famiglie con ISEE basso per tutto il 2022.

Nella maggior parte dei casi il bonus affitto consiste in un credito di imposta o in una detrazione fiscale riconosciuta dall’Agenzia delle Entrate a soggetti che soffrono di difficoltà economica, oppure ai giovani che hanno affittato una casa o una stanza. Anche gli aiuti regionali sono elargiti in favore dei nuclei familiari in difficoltà economica.

Entriamo più nel dettaglio e scopriamo quali sono i requisiti, come funzionano le detrazioni sull’affitto, a chi spettano e come ottenerle.

Affitto, bonus fino a 3.000 euro in Lombardia: a chi spetta? I requisiti!

Partiamo dal bonus affitto della Lombardia, il cui bando è ancora attivo e permette alle famiglie che possiedono un reddito basso di ottenere fino a 3.000 euro di sconto sul canone di locazione. Come averlo?

A fissare i requisiti di accesso al contributo affitti della Lombardia è la delibera numero 5324 della Giunta regionale. Possono accedere all’agevolazione le famiglie che hanno locato un appartamento privato con canone concordato e contratto di durata pari ad almeno sei mesi.

La famiglia che intende richiedere il bonus affitto alla Regione Lombardia, inoltre, deve possedere un reddito inferiore a 35 mila euro, eventualmente ridotto da parte dei singoli Comuni lombardi.

Avranno una corsia preferenziale, infine, tutti i cittadini residenti in Lombardia che hanno cessato o ridotto la propria attività lavorativa, coloro che hanno perso il lavoro e sono disoccupati, e tutti i nuclei familiari al cui interno si trovi una persona che soffre di gravi malattie accertate.

Bonus affitto in Lombardia: come richiederlo? La scadenza!

Come richiedere il bonus affitto dalla Regione Lombardia? La richiesta si può presentare direttamente al proprio Comune di residenza, entro e non oltre il 31 dicembre 2022. 

È bene verificare se il proprio Comune di residenza ha deciso di modificare la soglia massima di reddito utile per accedere al contributo affitto: la regione Lombardia ha previsto un limite di 35 mila euro, ma tale soglia può essere ritoccata al ribasso dai singoli territori.

Tutti i beneficiari del bonus affitto previsto dalla Lombardia avranno diritto a un contributo fino a 3.000 euro per il pagamento del canone di locazione, fino a un massimo di otto mensilità.

Le risorse complessive a disposizione per l’erogazione del bonus affitto Lombardia sono pari a 34 milioni di euro.

Affitto, bonus fino a 2.000 euro per i giovani under 31: come funziona?

Anche i ragazzi di età compresa tra 20 e 31 anni possono ottenere delle detrazioni fiscali sul canone di affitto di un appartamento o di una singola stanza (nel caso di studenti universitari fuori sede e non). Come funziona?

Il bonus affitto per i giovani con meno di 31 anni è una novità introdotta dalla Legge di Bilancio 2021 e permette di ottenere uno sconto sul canone di locazione fino a 2.000 euro per ogni contratto di affitto stipulato per la locazione di un intero appartamento o di una singola stanza.

L’agevolazione era prevista anche per gli anni precedenti ma, a differenza del passato, sono state introdotte alcune novità:

  • innalzamento del limite di età da 30 a 31 anni;
  • detrazione fiscale fino a 991,60 euro prevista per i primi 4 anni dalla stipula del contratto. Se superiore, sconto del 20% fino a 2.000 euro massimi.

Chiariamo subito i requisiti. Anzitutto, è previsto un range d’età dai 20 ai 31 anni per poter ottenere il bonus affitto. In secondo luogo, occorre possedere un ISEE inferiore a 15.493,71 euro all’anno

Non solo: il contratto può riguardare l’affitto di una singola stanza oppure di un intero appartamento, purché adibito a residenza. 

Bonus affitto giovani fino a 2.000 euro: come richiederlo?

Per richiedere il bonus affitto giovani under 31 è necessario inoltrare la propria richiesta direttamente all’Agenzia delle Entrate. Non verrà corrisposto uno sconto diretto sul canone, ma piuttosto un credito di imposta da fruire nella dichiarazione dei redditi.

Per i primi quattro anni dalla stipula del contratto è prevista una detrazione fiscale fino a 991,60 euro, mentre se superiore è previsto uno sconto del 20% sul canone di locazione fino a un massimo di 2.000 euro.

Facciamo un esempio. Nel caso in cui il canone di affitto a carico del giovane ammonti a 900 euro al mese (ovvero 10.800 euro all’anno), la detrazione massima ottenibile è pari al 20% di 10.800 euro, ovvero 2.160 euro. Essendo un importo superiore alla soglia massima, si potrà ottenere un credito pari a 2.000 euro.

Se, invece, il canone di affitto mensile è pari a 350 euro (ovvero 4.200 euro all’anno), il giovane avrà diritto a una detrazione pari a 991,60 euro, in quanto il 20% dell’importo annuale (840 euro) non supera la soglia massima di detrazione.

Il bonus affitto per i giovani ha una durata massima di quattro anni dalla stipula del contratto: si può richiedere fino al 30 giugno 2022.

Affitto, bonus e agevolazioni per le famiglie: come ottenerli?

Non tutti sanno che anche le famiglie con reddito basso hanno diritto a uno sconto sul canone di locazione: a fornire un bonus affitto a questi nuclei familiare è l’Agenzia delle Entrate. Come si possono ottenere?

Anzitutto, la famiglia che intende ottenere lo sconto deve aver affittato un immobile adibito ad abitazione principale e deve possedere un reddito basso:

  • fino a 15.493,71 euro, per ottenere un bonus affitto da 300 euro;
  • fino a 30.987,41 euro, per ottenere un bonus affitto da 150 euro.

Qualora l’immobile oggetto di locazione sia utilizzato come abitazione principale e qualora il contratto rientri tra quelli “convenzionali”, la detrazione massima ottenibile sarà pari a 495,80 euro nel primo caso (per i redditi non superiori a 15.493,71 euro), oppure 247,90 euro nel secondo caso (per i redditi non superiori a 30.987,71 euro).

Anche in questo caso, la domanda deve essere presentata all’Agenzia delle Entrate, avendo cura di allegare anche la propria attestazione ISEE 2022.