In Trentino viene incentivata una particolare sensibilità ambientale. Nel meraviglioso paesaggio incontaminato delle Dolomiti, Michil Costa, albergatore di Corvara, in val Badia, offre una notte gratis nel suo hotel a 5 stelle per coloro che non utilizzano l’auto per 6 giorni.

Infatti, dopo il primo tentativo poco riuscito dieci anni fa, l’albergatore, particolarmente sensibile e attento all’aspetto ecologico, non si dà per vinto e ci riprova, sicuro del fatto che “ora qualcosa è cambiato, soprattutto nelle giovani generazioni”. 

Le persone sono cambiate e sono più attente alla sostenibilità, e Michil vuole riprovarci. E’ fermamente convinto che la sensibilità ecologica vada incentivata con piccoli gesti. Ed è per questo che promette di piantare un albero e di offrire una notte gratis nel suo hotel La Perla, a coloro che non utilizzano l’auto per sei giorni.

Come ottenere una notte gratis in albergo sulle Dolomiti?

Ma come si fa per richiedere la notte gratis in albergo? La dinamica è molto semplice. Una volta arrivati all’hotel La Perla e dopo aver fatto il check-in, l’ospite verrà invitato a lasciare le chiavi della sua auto in reception. Una volta accettato il compromesso, l’auto verrà infiocchettata con un nastro verde e se non verrà utilizzata per sei giorni gli verrà offerta una notte da trascorrere nell'albergo la prossima estate.

Se invece rimarrà parcheggiata per tre giorni l’albergatore, complice il supporto del progetto WOWnature creato da Alta Badia per favorire la riforestazione delle aree colpite dalla tempesta Vaia, si impegna a donare un albero che verrà piantato nei dintorni del Campolongo. 

I motivi dietro l’iniziativa

Lo scopo che si cela dietro l’iniziativa di Michil Costa è chiaro e nobile: ridurre il traffico nelle Dolomiti, che a suo dire sta avendo ripercussioni evidenti. Ma non solo, in quanto l’attenzione e la denuncia avviata dall’albergatore è rivolta in senso più generale al turismo che si svolge in queste zone, il quale provoca strade trafficate, seconde case che rimangono vuote e fanno alzare i prezzi immobiliari, impianti e piste su ogni vetta e una spietata concorrenza tra gli albergatori. 

Chi è Michil Costa, l'albergatore ecologista

Di origini ladine, nato a Corvara in Alta Badia, assieme alla sua famiglia gestisce il Berghotel Ladinia e l'Hotel La Perla con il quale fa parte dei The Leading Hotels of the World, una collezione di oltre 400 hotel di lusso autentici e fuori dall'ordinario in 80 Paesi.

Da, qualche anno, la sua attività di albergatore si è estesa anche in altre zone d'Italia tra cui la Val D’Orcia, dove ha sede il Bagno Vignoni, con lo storico Albergo Posta Marcucci. Ma non è tutto in quanto oltre ad essere presidente della "Maratona delle Dolomiti", nel 2007 assieme alla sua famiglia ha fondato la Costa Family Foundation, che ha come obiettivo quello di supportare progetti di sviluppo per donne e bambini in Africa, Asia e Sud America.

Michil si dichiara da sempre un vero sostenitore della tutela dell'ambiente, sottolineando a più riprese quanto sia fondamentale per l'uomo vivere in armonia con l’ambiente circostante e la natura in un rapporto di mutevole rispetto

Con la sua iniziativa green, Michil Costa vuole rendere ospiti e in particolar modo albergatori, maggiormente consapevoli circa la situazione climatica in cui riversa il nostro pianeta, specialmente le Dolomiti. Infatti, come ha più volte sottolineato anche nel suo primo libro "FuTurismo: Un accorato appello contro la monocultura turistica" uscito il 4 aprile 2022, il suo impegno è quello di offrire una maggiore consapevolezza in termini di salvaguardia dell’ambiente, cercando di educare il cliente.

Oltre a quella dell'albergatore di Corvara, crescono in Italia le iniziative che offrono periodi di vacanza gratis in zone meno turistiche, volte a favorire un turismo più sostenibile, culturale e di prossimità.