Il Bonus garage consiste nella detrazione del 50% della spesa sostenuta fino al tetto massimo di 96.000 euro per ciascun immobile. Si tratta di una agevolazione molto conveniente per i contribuenti anche se una recente precisazione dell’Agenzia delle Entrate potrebbe non piacere ad alcuni contribuenti.

Il Fisco si è espresso su un dubbio molto diffuso: chi vende il posto auto grazie al bonus garage e ne acquista un altro entro un anno ha diritto al credito di imposta? Il tema è intricato e merita una trattazione dettagliata per fugare ogni dubbio.

Bonus garage, credito d'imposta e prima casa, che succede in caso di vendita del box auto

Quando si tratta di detrazioni e agevolazione sull'acquisto di immobili i dubbi sono all'ordine del giorno per via dei grovigli burocratici. Questa volta l'Agenzia delle Entrate ha fatto chiarezza su una questione di grande interesse: la vendita di un garage di pertinenza di un’unità immobiliare acquistata con il bonus prima casa. Cosa succede a chi vende il box auto e ne acquista un altro entro un anno? Si può avere ugualmente il credito d’imposta nei confronti dello Stato?

Una questione non di facile soluzione che ha richiesto un esplicito interpello dell'Agenzia delle Entrate: la risposta è negativa. Vuol dire che colui che vende il garage di pertinenza della prima casa perde il credito d'imposta.

Come funziona il bonus garage

Questa agevolazione è molto conveniente in quanto permette di recuperare il 36% della spesa per l'acquisto di un garage già realizzato (quindi sono esclusi i box in costruzione).

La legge fissa il tetto massimo della detrazione a 48.000 euro. Fino al 31 dicembre 2021 era del 50% per un importo massimo detraibile di 96.000 euro. Il requisito per richiederlo è che il garage in questione sia funzionalmente collegato all'unità immobiliare “prima casa”, anche se distanti, cioè distaccato rispetto all’edificio principale. Nello specifico, l'AdE indica che la detrazione è possibile solo se "il garage è pertinenziale all'unità immobilaire":

“Sono ricomprese tra le pertinenze, limitatamente ad una per ciascuna categoria, le unità immobiliari classificate o classificabili nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, che siano destinate a servizio della casa di abitazione oggetto dell’acquisto agevolato (...).”

Leggi anche: Puoi avere fino al 50% di detrazione sul 730 per il box auto: scopri subito come fare