Tour per visitare la Puglia in 5 giorni: cosa fare e vedere

La vera unicità della Puglia è data dal mix unico di bellezze naturalistiche e storico-artistiche: dai viaggi familiari a quelli con gli amici, la Puglia regala sempre sorprese. Scopriamo insieme come muoversi e dove andare in cinque giorni.

Image

Il tacco dello stivale italiano è da sempre la meta prediletta da connazionali o stranieri per trascorrere vacanze in estate più o meno lunghe, dai semplici weekend ai soggiorni di 5 giorni, 10 giorni e così via.

Dalla costa settentrionale del Gargano fino alla punta, tutte le coste adriatiche pugliesi sono da scoprire, mentre sull’altro versante, il lato ionico della Puglia, la bellezza delle coste è data dalla vicinanza tra il mare e le zone collinari e di campagna.

Ma la Puglia non è solo mare: l’intero territorio regionale è infatti costellato di parchi archeologici a cielo aperto, musei di varie epoche, castelli e reperti unici, che rendono la Puglia una fonte inesauribile di bellezze artistiche da scoprire.

Vediamo quindi come organizzare un programma con le tappe da visitare in relazione alla durata del soggiorno, sufficiente a vedere alcune delle principali attrazioni offerte dalla regione italiana.

Come spostarsi in Puglia in estate durante le vacanze

Se si sceglie di soggiornare in Puglia è possibile decidere di visitare la regione arrivando in macchina, ma anche in aereo o in treno. Il territorio infatti è ben collegato in tutte le sue parti. 

Se si arriva in Puglia in aereo, in primo luogo, bisogna dire che i principali aeroporti sono:

  • aeroporto Karol Wojtyla di Bari;
  • aeroporto di Brindisi-Papola Casale o Aeroporto del Salento;
  • aeroporto Gino di Lisa Foggia. 

L’aeroporto più grande è senza dubbio quello di Bari, dal momento che prevede collegamenti con città italiane, europee e mete internazionali.

Tutti e tre gli aeroporti della Puglia sono ben collegati tramite autobus e con un ricco servizio taxi alle principali città della regione.

Se si sceglie invece di arrivare in treno, la regione è ben collegata a livello nazionale con Milano, Bologna, Roma e Napoli. Per quanto riguarda gli spostamenti regionali, invece, sono presenti tre linee ferroviarie, ovvero:

  • ferrovie del Nord-Barese;
  • ferrovie del Sud-Est;
  • ferrovie del Gargano.

Senza dubbio, però, per potersi muovere liberamente il mezzo più comodo è l’auto.

Arrivare in Puglia in automobile è molto semplice: se si deve visitare il versante adriatico, è necessario percorrere l’autostrada A14 da Pescara, che porta fino a Taranto; in alternativa, è possibile percorrere l’autostrada A16 da Napoli.

Quando visitare la Puglia: gli eventi culturali

La Puglia è una regione che può essere visitata in qualsiasi stagione, anche se senza dubbio l’estate è il periodo migliore se si vuole godere dello splendido mare e delle spiagge. 

È consigliabile evitare il mese di agosto, quando le mete più gettonate, ovvero le Tremiti e il Salento, sono affollatissime e si rischia di non godere appieno delle bellezze del luogo.

Per scegliere il periodo in cui soggiornare in Puglia, però, si può decidere di tenere in considerazione anche i vari eventi culturali che scandiscono il periodo estivo pugliese.

Ad esempio, nel mese di luglio, si svolge dal 1975 il Festival della Valle d’Itria, a Martina Franca, serie di concerti di musica sinfonica che richiama visitatori da tutt’Italia e dall’estero, mentre nella città di Trani ha luogo il Festival del Tango: quattro giorni ricchi di esibizioni di ballerini internazionali alternati a milonghe, workshop e corsi con i più rinomati maestri internazionali, anche grazie al patrocinio dalla Fundacion Astor Piazzolla di Buenos Aires.

Nel mese di agosto, invece, ha luogo l’attesissima Notte della Taranta, un festival itinerante che nasce per riscoprire e valorizzare la musica tradizionale salentina e la sua capacità di mescolarsi con la world music, il rock, il jazz e la musica sinfonica.

Poco prima della fine dell’estate, con il mese di settembre, nella città di Bari arriva infine la Fiera del Levante, manifestazione che si ripete ogni anno dal 1930. Il capoluogo pugliese diventa il centro culturale e commerciale non solo della Regione, ma di tutto il bacino del Mediterraneo, dando luogo ad una delle più grandi fiere campionarie d’Europa.

Ma vediamo ora nello specifico cosa vedere in Puglia se si vuole organizzare una vacanza in 5 giorni.

Il Gargano

La prima tappa possibile è senz’altro la penisola del Gargano: coste a picco sul mare che si alternano a grotte, archi e spiagge fatte di sabbia finissima, l’area del Gargano è il luogo ideale se si vuole trascorrere una vacanza al mare immersi nel relax.

Le principali città da non lasciarsi sfuggire in quest'area sono Manfredonia, Baia delle Zagare e Vieste. Proprio questa città è infatti rinomata per la sua posizione che dall’alto di un’altura arriva direttamente sul mare.

Partendo proprio da Vieste, o anche da Peschici o da Rodi Garganico, è possibile inoltre raggiungere con un traghetto le isole Tremiti, l’unico arcipelago italiano del mare Adriatico.

Trani e le Murge

Continuando a scendere verso sud si arriva poi alla città di Trani, famosa per la spettacolare Cattedrale affacciata direttamente sul mare.

Da qui è possibile abbandonare momentaneamente il mare per inoltrarsi verso l’Altopiano delle Murge. Con una natura particolare e ancora a tratti selvaggia, l’altopiano delle Murge è di natura calcarea e collega in parte la Puglia con la Basilicata, arrivando fino alle Serre Salentine.

Proprio in questa zona interna è possibile visitare la città di Altamura, con il Castel del Monte, patrimonio mondiale dell’Unesco, e Gravina in Puglia, con le caratteristiche gravine, spaccature della crosta terrestre del tutto simili ai canyon americani.

La Valle d’Itria

Se si sceglie di soggiornare in Puglia non è possibile non conoscere e scoprire i trulli di Alberobello. Le tipiche costruzioni a cono pugliese, risalenti al XVII secolo, sono considerate oggi patrimonio mondiale dell’umanità.

Cisternino, Locorotondo, Martina Franca: l’intera valle d’Itria è ormai la meta prediletta soprattutto per turisti stranieri che scelgono di soggiornare in masserie e agriturismo.

E sempre in questa zona, per non perdere panorami mozzafiato, non si può non visitare Ostuni, la città bianca (a causa delle case tinteggiate a calce viva).

Lecce e dintorni

La città di Lecce, capitale del Salento, è un patrimonio unico ed inestimabile di bellezze storiche e artistiche.

Lasciarsi guidare dai colori e dai sapori attraverso i vicoli della città è una delle possibilità per godere al meglio della cosiddetta Firenze del sud, tra palazzi, monumenti e chiese, tutte dal caratteristico bianco leccese.

Il cuore della città è rappresentato da piazza Sant’Oronzo, con il suo Anfiteatro Romano e il Palazzo del Sedile.

Oltre ai sapori inconfondibili del Salento, Lecce è anche la location ideale per decidere di spostarsi poi verso la costa dell’Adriatico o quella ionica.

La costa di Otranto 

Se da Lecce ci si sposta verso l’Adriatico, la città di Otranto rientra tra le mete da non lasciarsi sfuggire.

Visitare il Castello Aragonese, con la sua pianta pentagonale, e la Cattedrale, infatti, è solo una delle possibilità se si decide di visitare la città.

Ma anche il mare di Otranto e del circondario non sono da meno: il vicino capo di Santa Maria di Leuca, il punto in cui il mare Adriatico incontra lo Ionio, offre ai turisti un mare cristallino e spiagge di sabbia finissima.

Gallipoli e lo Ionio

Se invece ci si sposta verso il Mar Ionio troviamo Gallipoli, che attira turisti da tutto il mondo con un fondale cristallino e una vita notturna movimentata e giovanile.

Inoltre, è possibile apprezzare anche attrazioni culturali quali il Castello Angioino e le numerose chiese, tra cui la maestosa Cattedrale di Sant’Agata, esemplare barocco.

Una scelta più a misura di famiglia è invece la città di Porto Cesareo, caratterizzata da una bellissima spiaggia che si estende ininterrotta per 17 chilometri, con un arcipelago di isolotti che si trova di fronte alla spiaggia del centro abitato.

Leggi anche: Vacanza di pochi giorni a Malta: che cosa vedere, le spiagge più belle e dove alloggiare