Chi è Giovanni Ayroldi, l’arbitro fermato per degli errori gravi commessi in Serie A

Brutte notizia per gli arbitri di Serie A: a causa di molti errori finisce nel mirino anche Giovanni Ayroldi. Scopriamo chi è e cosa ha fatto.

Chi è Giovanni Ayroldi? Da ieri è uno dei tre arbitri bloccati a causa della cattiva gestione del fischietto durante un match importantissimo ai fini della classifica finale: Inter-Genoa. La decisione è partita dal designatore di arbitri Gianluca Rocchi che ha obbligato Ayroldi e altri due colleghi a fermarsi per riflettere sui loro errori.

Chi è Giovanni Ayroldi: età, padre, carriera da arbitro

Giovanni Ayroldi è nato Molfetta, in Puglia, il 25 ottobre 1991, sotto il segno dello Scorpione. Attualmente ha 32 anni. Figlio d’arte, il padre è Stefano Ayroldi, mentre il nonno è Nicola Ayroldi, entrambi sono stati arbitri di calcio. Giovanni Ayroldi ha intrapreso sin da giovanissimo, a soli 16 anni, la carriera da arbitro. Nel 2013 ha fatto il suo esordio in Serie D e dopo tre anni di gavetta, nel 2016, ha ottenuto la promozione in Lega Pro. Il grande esordio in Serie A è avvenuto nel 2020, dove ha diretto non solo nel massimo campionato italiano, ma anche in Serie B.

Negli anni 2022-2023, sfruttando la collaborazione tra l’AIA e la Federazione Cipriota, ha diretto anche dei match fuori dai confini nazionali, tra cui:

  • Achnas-AEK Larnaca (5 maggio 2022);

  • Omonia Nicosia-APOEL Nicosia (15 febbraio 2023); 

  • Pafos-AEK Larnaca (11 aprile 2023).

Gli ultimi dati relativi a Giovanni Ayroldi risalgono al campionato italiano di calcio 2022-2023, nel quale ha collezionato ben 32 presenze in Serie A.

Giovanni Ayroldi si ferma dopo Inter-Genoa

L’ultima giornata di Serie A ha fatto discutere molto per la gestione delle partite da parte degli arbitri. Giovanni Ayroldi è solo l’ultimo di una serie di direttori di gara finiti nel mirino di Gianluca Rocchi, designatore di arbitri.

Durante il weekend sono stati fermati: Marco Di Bello, per lo scandaloso arbitraggio del match Lazio-Milan dove sono volati tre cartellini rossi per la Lazio; e Matteo Marchetti, per la cattiva gestione della partita Torino-Fiorentina.

Giovanni Ayroldi ha solo chiuso la settimana calcistica confermando il periodo buio per gli arbitri italiani. Le sue decisioni come direttore di gara hanno fatto infuriare tifosi e società, costandogli uno stop per una o due giornate. La partita che gli era stata affidata era Inter-Genoa.

Ad Ayroldi si contestano un rigore dato all’Inter a causa di un presunto fallo (forse inesistente) di Frendrup su Barella e un cartellino giallo per simulazione dato a Lautaro Martinez.

Leggi anche: Dossieraggio, la Procura di Roma indaga sulle accuse al presidente Gabriele Gravina

Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Felice Emmanuele Paolo de Chiara
Redattore, classe 1994. Sono nato a Napoli ma ho vissuto un po’ in Toscana dove mi sono laureato in Scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università degli Studi di Siena e un po’ a Milano dove mi sono specializzato in Cooperazione Internazionale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Sono appassionato di politica, attualità, sport (grande tifoso del Napoli), cinema e libri. Nel tempo libero mi dedico alla scrittura di racconti e quando ho tempo viaggio.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate