Pensione di reversibilità 2023, di quanto aumenta dal 1° gennaio

Per la pensione di reversibilità 2023 ecco di quanto aumenta dal 1° gennaio: i calcoli, un esempio pratico e le nuove fasce percentuali del Governo Meloni.

pensione di reversibilità 2023

Per la pensione di reversibilità 2023 il calcolo dell’aumento relativo al prossimo anno si fa sull’intera pensione che percepisce il superstite, dunque, sul proprio trattamento previdenziale e sulla stessa pensione di reversibilità.

Pensione di reversibilità 2023, aumento dal 1° gennaio: un esempio

Facciamo un piccolo esempio, se pensiamo ad una pensione di reversibilità di 450 euro, dunque, un trattamento pensionistico a cui si somma la reversibilità, occorre calcolare su tutti i 524,34 euro l’aumento previsto per il 2023.

In questo caso, stando a quanto è stato stabilito dal Governo Meloni, l’aumento da calcolare sarà pari all’8.8%. Come mai? Semplice, perché alla rivalutazione piena al 7.3% l’esecutivo ha aggiunto in via del tutto eccezionale un incremento di +1.5% per l’anno corrente e del +2.7% nel 2024.

In sostanza l’incremento della pensione di reversibilità 2023 sui 524,34 euro sarà dell’8.8%, dunque, si otterranno aumenti che porteranno l’assegno a quota 570 euro.

In realtà, bisogna anche sottolineare che per gli over 75 la pensione minima è incrementata ancora di più, poichè dai 570 euro si passa ai 600 euro, mentre per tutti gli altri le fasce, come vedremo tra poco, rimangono standard.

Qual è il minimo della pensione di reversibilità 2023

Per l’anno corrente il trattamento minimo dell’assegno della pensione ai superstiti è stato fissato a 524,34 euro mensili. Dunque, secondo i nostri calcoli fatti in precedenza, questa aumenterà dal 1° gennaio 2023 fino a raggiungere i 570 euro.

Ricordiamo che il reddito anno entro cui la pensione di reversibilità non subisce alcun tipo di variazione è stato fissato, per il 2022, a 20.489,82 euro.

Facciamo un piccolo esempio, calcolando quanto prenderà un superstite senza figli che riceve il 100% della pensione ai superstiti in base al suo reddito:

  • con un reddito fino a 3 volte il minimo, la pensione di reversibilità 2023 sarà pari al 60%

  • con un reddito da 3 a 4 volte il minimo, invece, spetterà il 45%

  • tra 4 e 5 volte il minimo la pensione ai superstiti raggiungerà il 36%

  • infine, con un reddito oltre 5 volte il minimo, spetterà solamente il 30%

E' bene ricordare che la fascia reddituale 2023 dovrà essere calcolata sulla base dell’inflazione e la pensione di reversibilità 2023 potrà essere sommata ad una o più pensioni ai superstiti.

L’incumulabilità della pensione di reversibilità con i redditi del beneficiario non si applica in presenza di contitolari che appartengono al medesimo nucleo familiare.

Pensione di reversibilità 2023, i nuovi importi dal 1° gennaio

Di quanto aumentano le pensioni di reversibilità 2023 secondo le nuove fasce introdotte dal Governo Meloni? Ricordiamo, infatti, che fino a quest’anno, gli aumenti erano suddivisi solamente in tre fasce:

  • il 100% dell’indice di inflazione per tutte le pensioni fino a 4 volte il minimo INPS

  • il 90% dell’indice di inflazione per i trattamenti fra le 4 e le 5 volte il minimo INPS

  • il 75% dell’indice di inflazione per i trattamenti che superavano le 5 volte il minimo INPS

Ora, con il nuovo sistema ideato dal nuovo Governo, le fasce sono raddoppiate e al posto di tre abbiamo 6 fasce + 1. Cosa significa? Semplice, che le fasce in base all’indice di inflazione sono 6, ma una è stata incrementata oltre il 100%, raggiungendo il 120%: la pensione minima.

Vediamo insieme tutte le nuove fasce per le pensioni di reversibilità 2023 e gli altri trattamenti pensionistici. Prima, però, ricordiamo che le percentuali sono calcolate sull’indice di inflazione che, per il 2023, è stato confermato dal ministro Giorgetti al 7.3%:

  • il 120% di 7.3% per le pensioni minime, dunque 8.8%

  • il 100% di 7.3% per le pensioni fino a 2mila euro, dunque, 7.3%;

  • l’85% per le pensioni comprese tra i 2mila euro e 2.625 euro, dunque 6.2%;

  • il 53% per le pensioni comprese tra 2.626 e i 3.150 euro, ovvero 3.8%;

  • al 50% per le pensioni comprese tra 3.151 e 4.200 euro, ossia 3.7%;

  • al 40% per le pensioni nella fascia compresa tra 4.201 e 5.250 euro, dunque, 2.9%;

  • al 35% per le pensioni oltre i 5.250 euro, ossia 2.5%.

Ricordiamo, poi, l'incremento a 600 euro per le pensioni minime agli over 75.

A chi spetta la pensione di reversibilità

La pensione di reversibilità 2023 spetta a:

  • coniuge superstite;

  • figli minori, mentre se questi hanno più di 18 anni devono essere studenti o inabili al lavoro;

  • cittadini uniti civilmente, equiparati al coniuge;

  • nipoti minori di 18 anni o con più di 18 anni inabili a carico dei nonni;

  • in assenza di coniuge e figli aventi diritto ai genitori superstiti;

  • in assenza di genitori, fratelli o sorelle inabili al lavoro, non titolari di pensione, a carico del lavoratore o del pensionato deceduto.

Leggi anche: Opzione donna 2023 nessuna modifica in Manovra: chi può andare in pensione l’anno