Il centrodestra, forte anche di un vantaggio molto importante nei sondaggi elettorali, si mette avanti col lavoro. Superata la fase di intesa tecnica sui collegi e sull'alleanza, è già alla fase di progettazione del programma comune di governo tra le forze politiche.

Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia hanno già attivato dei tavoli di lavoro con esponenti dei tre partiti e delle altre formazioni minori centriste per tracciare l'agenda di Governo.

Non c'è ancora il via libera definitivo al programma che arriverà da Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi ma analizziamo intanto la bozza su cui si sta lavorando.

Si parla di una serie di azioni di Governo qualora dovesse essere il centrodestra la coalizione scelta dagli italiani. Analizziamo alcuni di questi temi chiave.

Elezioni 2022, il prorgramma del centrodestra, c'è il Ponte sullo Stretto

Al momento sono stati indicati alcuni punti tematici e altre aree di intervento che poi verranno specificate meglio nei prossimi giorni. Di certo Matteo Salvini nei giorni scorsi da Lampedusa ha già fatto presente che il tema delle infrastrutture per modernizzare il Paese sarà determinante.

In quest'ottica è previsto con il contributo di finanziatori privati che venga riavviato il progetto del Ponte sullo Stretto di Messina per collegare la Sicilia alla Calabria.

In ottica di diversificazione energetica è previsto il  via libera alle centrali nucleari di ultimissima generazione. Dal punto di vista delle Riforme Costituzionali c'è l'intenzione di mettere mano alla Costituzione e come cavallo di battaglia di Fratelli d'Italia ma condiviso anche dall'intera coalizione c'è l'intenzione di riformare il ruolo del presidente della Repubblica introducendo l'elezione diretta del Capo dello Stato.

Presidente della Repubblica che, come noto, invece attualmente è eletto dal Parlamento in seduta comune.

Elezioni 2022, impegno del centrodestra di continuità rispetto alle alleanze attuali sul versante internazionale

Giorgia Meloni ha già iniziato a dare dei messaggi rassicuranti in questi giorni ad esempio sulla questione del sostegno dell'Ucraina. La leader di Fratelli d'Italia che era all'opposizione del Governo Draghi ma ne ha sostenuto la politica estera, ha detto che ci sarà continuità su questo aspetto nel totale sostegno all'Ucraina.

Ci sarà da parte del nuovo governo eventuale di centrodestra un totale rispetto delle alleanze internazionali, un forte atlantismo e il nostro paese confermerà lo storico ancoraggio alla Nato.

Da valutare naturalmente chi sarà la figura del ministro degli Esteri.

Elezioni 2022, piano delle grandi opere e ricerca di nuove energie

Naturalmente la Lega porrà con forza i temi legati al federalismo fiscale e all'autonomia. Cavalli di battagli storici di Matteo Salvini. Una legge sul federalismo fiscale e Roma Capitale è al centro della parte di programma che è stata denominata Riforme istituzionali. In questa sezione come anticipato c'è anche l'elezione diretta del presidente della Repubblica.

Capitolo importante per le infrastrutture e le grandi opere: detto in precedenza dell'intenzione del centrodestra di procedere con il Ponte sullo Stretto, ci sarà anche un potenzialmento della rete nazionale dell'alta velocità. 

Anche sul tema dell'energia, il centrodestra punta sul “Ricorso alla produzione energetica attraverso la creazione di impianti di ultima generazione, compreso il nucleare pulito e sicuro, senza veti preconcetti”.

E ancora la “riattivazione e nuova realizzazione di pozzi di gas naturale, in un’ottica di utilizzo sostenibile delle fonti energetiche”.

Sulla scuola “promozione di comportamenti virtuosi e adeguamenti strutturali – come la ventilazione meccanica controllata e il potenziamento dei trasporti per una scuola sempre in presenza e mai più a distanza". 

Elezioni 2022, il programma del centrodestra dal punto di vista fiscale, Flat Tax e pace fiscale

In merito al fisco nei loro discorsi i tre leader principali di partito hanno già fatto capire quale sarà la linea: un abbassamento della tassazione. Salvini spinge in particolare per la Flat Tax per le partite Iva. Si parla della possibilità fino a 100.000 euro di fatturato.

Ovviamente  nessuna patrimoniale, attacco pesante a Enrico Letta e alla sua proposta di tassazione dei patrimoni plurimilionari per dare una dote ai 18enni.

Altra linea guida la pace fiscale con la cancellazione di tante cartelle esattoriali.

Giorgia Meloni sta puntando molto sul via libera a chi vuole fare impresa: quindi si attueranno sistemi fiscali in base al "chi più assume meno tasse paga". 

Il reddito di cittadinanza potrebbe essere stravolto a vantaggio ”di misure più efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro”.

E ancora taglio del cuneo fiscale, azzeramento Iva sui beni di prima necessità, defiscalizzazione e incentivazione del welfare aziendale anche attraverso detassazione premi di produzione e buoni energia ed estensione di utilizzo dei voucher lavoro.

Elezioni 2022, il programma del del centrodestra: impegno per fermare gli sbarchi

Naturalmente il centrodestra ha tra le sue priorità storiche la sicurezza.

La coalizione con Matteo Salvini che punta al ministero degli Interni per un uomo o una donna della Lega è pronta a lanciare un nuovo stop agli ingressi nel nostro paese. Lotta contro gli sbarchi, discontinuità con la gestione Lamorgese e anche, nel caso, saranno varati nuovi Decreti Sicurezza. 

Nel programma “Operazione Strade Sicure e poliziotto di quartiere, e videosorveglianza, contrasto al fenomeno delle baby gang e alla microcriminalità. Forte contrasto al commercio e allo spaccio della diffusione delle droghe”.