Bollette di luce e gas in continuo aumento: come fare? Il Governo guidato da Mario Draghi ha confermato fino al 30 settembre 2022 un nuovo bonus sociale che permette di ottenere sconti fino a oltre 200 euro sulle bollette di luce e gas. Per poter ricevere i soldi, però, è necessario possedere alcuni requisiti.

Non solo: l’ultimo decreto Energia approvato dal Governo è andato a modificare i limiti ISEE e gli importi del bonus sociale, estendendo lo sconto sulle bollette di luce e gas anche alle famiglie con reddito più elevato.

Inoltre, nel decreto aiuti di maggio è stato introdotto anche un nuovo bonus 200 euro contro il caro energia, carburanti, e tutti i rincari che abbiamo potuto registrare in questi ultimi mesi.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire come funziona il bonus sociale 2022: a chi spetta, quali sono i requisiti, i limiti ISEE e come presentare la domanda. Guida aggiornata al 2022!

Bonus sociale per luce e gas: tutte le novità 2022

Partiamo subito riportando tutte le novità sul bonus sociale 2022: rispetto allo scorso anno, sono cambiati requisiti, importi, limiti ISEE. 

L’aumento dei costi dell’energia elettrica e del gas per le famiglie si è tradotto in costi complessivi più che raddoppiati nelle bollette: per far fronte ai rincari, quindi, il Governo ha deciso di cambiare il bonus sociale estendendo la platea di beneficiari e aumentando gli importi.

Infatti, ad oggi il bonus bollette è esteso e retroattivo: che cosa significa? Tutti possono ottenerlo in automatico purché rispettino il limite ISEE innalzato dall’ultimo decreto Energia. Non solo: gli sconti su luce e gas previsti dal bonus sociale sono stati confermati dal 1° aprile al 31 dicembre 2022, con la possibilità di ottenere un rimborso sulle bollette a partire dal primo trimestre 2022.

Se ciò non bastasse, anche le Regioni sono scese in campo contro i rincari e hanno introdotto nuovi bonus energia per famiglie e imprese. Infine, il Governo ha introdotto un bonus famiglie 2022 da 200 euro una tantum, che verrà pagato a luglio.

Bonus sociale per luce e gas: sconto sulle bollette, ma non per tutti!

Abbiamo parlato di cambio dei requisiti per accedere al bonus sociale e per ottenere gli sconti sulle bollette di luce e gas: chi può ricevere lo sconto da Arera?

Non tutti ne hanno diritto, ma si possono descrivere due fattori che permettono di accedere al bonus sociale su luce e gas:

  • Disagio economico, ovvero per i nuclei familiari che soffrono di difficoltà economiche;
  • Disagio fisico, ovvero per tutti i nuclei familiari all’interno dei quali si trova una persona che necessità di utilizzare apparecchi ad alimentazione elettrica per la propria salute.

Per quanto riguarda i bonus sociale per disagio economico, il limite ISEE per accedere agli sconti è stato recentemente innalzato: fino al 31 dicembre 2022 possono ottenere il bonus bollette tutti i nuclei familiari con ISEE non superiore a 12 mila euro, mentre per le famiglie numerose tale limite reddituale è innalzato a 20 mila euro.

La richiesta deve pervenire dal titolare della fornitura a carattere domestico. Per quanto riguarda il bonus elettrico per disagio fisico, invece, rinviamo i lettori al nostro approfondimento dedicato.

Si stima una platea di circa 5,2 milioni di famiglie, ciascuna delle quali ha diritto a un solo bonus sociale per tipologia: vale a dire che si può ottenere il bonus sociale per la luce, oppure quello per il gas, oppure quello per l’acqua alternativamente.

Bonus sociale per luce e gas: a quanto ammonta nel 2022?

Sul sito web di Arera sono già disponibili gli importi del bonus sociale per le famiglie (relativi al secondo trimestre, dal 1° aprile al 30 giugno), ma si attende un aggiornamento delle cifre entro il 30 giugno 2022, utile per applicarsi al terzo trimestre dell’anno.

Possiamo già stabilire quali siano le cifre e gli importi del bonus sociale, basandoci sui dati relativi al secondo trimestre e in attesa di novità da Arera.

Per quanto riguarda il bonus sociale per l’energia elettrica:

  • 141,05 euro per i nuclei familiari fino a 2 componenti;
  • 170,17 euro per i nuclei familiari fino a 4 componenti;
  • 199,29 euro per i nuclei familiari oltre i 4 componenti.

Passiamo ora alla tabella relativa agli importi del bonus sociale per il gas: gli importi variano al variare della composizione del nucleo familiare, ma anche sulla base della zona climatica di residenza della famiglia.

Generalmente, per i nuclei familiari fino a 4 componenti si passa da un minimo di 28,21 per l’acqua calda sanitaria nella zona A, fino a un massimo di 99,19 euro per la zona climatica F. Per i nuclei composti da più di 4 persone, invece, gli importi salgono rispettivamente a 49,14 euro per quanto riguarda l’acqua calda sanitaria nella zona A e 146,51 per la zona climatica F.

Infine, il bonus sociale per l’acqua – che non tutti conoscono – permette di ottenere una fornitura gratuita di acqua pari a 18,25 metri cubi all’anno (ovvero circa 50 litri al giorno per abitante), per ciascuno dei componenti della famiglia. 

Bonus sociale per luce e gas: per quante mensilità si può ottenere?

Il bonus sociale per risparmiare sulle bollette di luce, gas e acqua permette di ricevere uno sconto diretto sulle utenze familiari. Ma per quante mensilità si può ottenere?

Stando a quanto previsto dal decreto Energia, il bonus sociale sulle bollette spetta dal 1° aprile al 30 settembre 2022 a tutti i nuclei familiari che possiedono un ISEE inferiore a 12 mila euro. Non solo: è possibile richiedere il bonus bollette retroattivo anche per il primo trimestre 2022, dal 1° gennaio al 31 marzo 2022.

Il bonus sociale, quindi, viene garantito a tutti i beneficiari per 12 mensilità, con la possibilità di rinnovo se alla fine dell’anno si possiedono ancora i requisiti necessari per ottenere gli sconti su luce e gas.

Come si può ottenere il rimborso del bonus sociale? Non servirà presentare alcuna domanda per ottenere il rimborso delle mensilità precedenti: tutti i nuclei familiari che hanno presentato l’ISEE in ritardo potranno comunque ottenere gli sconti sulle bollette di luce e gas nelle fatture successive.

Bonus sociale per luce e gas: come richiederlo?

Come si presenta la domanda per il bonus sociale sulle bollette di luce e gas? Esiste un modulo da inoltrare ad Arera? 

In realtà, a partire dal 1° luglio 2021, il bonus sociale viene corrisposto in automatico a tutte le famiglie che ne hanno diritto. Basta semplicemente presentare una certificazione ISEE in corso di validità, in modo che INPS e Arera possano identificare i nuclei familiari aventi diritto agli sconti.

Così facendo, ogni famiglia potrà ottenere lo sconto diretto e automatico sulle bollette di luce e gas, senza nemmeno presentare la domanda.

Diverse, invece, la procedura per il bonus sociale per disagio fisico: in questa cosa, infatti, i beneficiari dovranno presentare l’apposita domanda ad Arera, avendo cura di allegare anche il certificato della ASL competente, in modo da attestare la propria condizione di salute.

Bonsu bollette 500 euro: domanda entro il 31 maggio!

Un altro aiuti importante contro i rincari su luce e gas è il nuovo bonus bollette fino a 500 euro previsto dal Comune di Verona. I cittadini residenti nella città di Romeo e Giulietta potranno richiedere il beneficio entro il 31 maggio 2022. A chi spetta?

Chiaramente si tratta di un contributo economico che spetta alle famiglie che si trovano in difficoltà economica, ovvero che possiedono un ISEE inferiore a 15 mila euro. Occorre anche possedere un patrimonio mobiliare non superiore a 5 mila euro.

Non solo: nello stilare le graduatorie verrà data precedenza agli anziani over 65, e alle famiglie che accolgono all’interno del nucleo anziani over 65.

La domanda si può presentare esclusivamente online, mentre l’erogazione del bonus bollette da 500 euro avverrà come bonifico diretto sul conto corrente di tutti i beneficiari.