Finalmente sono arrivati i nuovi incentivi auto 2022: il Governo ha approvato il DPCM che introduce nuovi bonus auto e moto per il 2022, dopo quasi sette settimane di distanza dalla promessa fatta al settore. Confermati anche i bonus veicoli commerciali per le piccole e medie imprese.

Una boccata di ossigeno che vale 650 milioni di euro per il 2022, 2023, e 2024, con l’obiettivo di sostenere la filiera delle automotive anche con aiuti al comparto produttivo. I nuovi incentivi auto 2022 fino a 5.000 euro prevedranno tre classi di emissione, con o senza rottamazione: sono incluse non solo auto elettriche, ma anche ibride, plug in, e con motore termico (a benzina e diesel, a basso consumo).

Ma tra i bonus auto 2022 non ci sono solo incentivi fino a 20.000€ per l'acquisto di veicoli: il pacchetto include anche moltissime agevolazioni per quanto riguarda la revisione (con il buono veicoli sicuri), il carburante, e probabilmente anche il cambio gomme.

Se possiedi uno o più veicoli a motore, non perdere la possibilità di ottenere tantissimi bonus auto 2022: incentivi fino a 5.000 euro per cambiare modello, bonus carburante per i lavoratori, bonus revisione auto e bonus gomme

Ecco tutto quello che devi sapere per risparmiare! 

Bonus auto 2022: tutti i dettagli sugli incentivi 

Il Governo guidato da Mario Draghi ha approvato il nuovo DPCM che introduce i tanto attesi bonus e incentivi auto 2022: l’approvazione è avvenuta insieme a quella del Def, con qualche giorno di ritardo rispetto alla scadenza previste dal Decreto Ucraina. 

Il dibattito era bloccato sulla possibilità di introdurre anche nuovi incentivi per i veicoli commerciali, che sono riusciti ad entrare nel DPCM come richiesto dal Ministero Giorgetti. La maggior parte delle risorse sarà destinata alle persone fisiche, con una minima parte dedicata anche ai servizi di sharing.

In questo breve video sono riassunti tutti i dettagli sui bonus auto 2022: incentivi, classi di emissione, prezzi da listino e data di partenza. Scopri cosa c’è da sapere sul nuovo DPCM e da quando potrai ottenere sconti sull'acquisto di un nuovo veicolo.



Proseguiamo ora entrando più nel dettaglio, per scoprire come ottenere fino a 20.000€ di incentivi per la tua auto, per la moto o per i veicoli commerciali. Non mancano nemmeno i bonus auto 2022 per la revisione, le gomme e la benzina. Ma andiamo con ordine…

Bonus auto 2022 con o senza rottamazione: al via i nuovi incentivi!

Una dotazione di quasi 2 miliardi di euro per i prossimi tre anni, attingendo dal Fondo Automotive, che stanzia ulteriori risorse fino a 8,7 miliardi fino al 2030. Una risposta importante per il settore automotive, in crisi per la mancanza di materiali di produzione e per le scarse vendite delle ultime settimane.

I nuovi bonus auto 2022 saranno con o senza rottamazione, a discrezione del cliente, e costituiranno un aiuto fondamentale anche per l’ambiente: la maggior parte degli incentivi auto 2022 è destinata ai veicoli elettrici o a basse emissioni, mentre una buona fetta di risorse riguarda anche i motori endotermici, con un importante rinnovo del parco circolante.

Confermate le tre classi di emissioni sulle quali si discuteva ormai da alcune settimane. Rivisti, invece, gli importi dei bonus per ciascuna fascia di emissione: gli incentivi auto 2022 sono andati al ribasso, fino a un massimo di 5.000 euro. Ma non ci saranno limiti ISEE: tutto potranno richiederli.

Bonus auto 2022: incentivi rottamazione fino a 5.000€. Il nuovo DPCM

Quali sono, quindi, i nuovi incentivi auto 2022 e quanto permettono di risparmiare?

I bonus auto 2022 saranno suddivisi in tre fasce: la prima comprende i veicoli completamente elettrici (0-20 g/km), la seconda riguarda le auto ibride o plug in a basse emissioni (21-60 g/km), la terza fascia comprende i motori termici alimentati a benzina o diesel (61-135 g/km). Per ciascuna fascia sono previsti bonus auto con o senza rottamazione, entro un limite massimo di prezzo da listino.

Gli incentivi auto elettriche 2022 possono godere della maggioranza delle risorse stanziate: il Governo intende proprio spingere gli italiani ad acquistare auto a basso consumo. L'acquisto di queste categorie di veicoli permette di ottenere un bonus fino a 5.000 euro con rottamazione, oppure solo 3.000 euro senza la rottamazione. Il prezzo massimo del veicolo non può superare i 35 mila euro.

Passiamo alla seconda fascia, quella intermedia che comprende sia auto ibride sia plug in: per questa categoria di veicoli si può avere accesso a un bonus pari a 4.000 euro, che scende a 2.000 euro senza la rottamazione di un veicolo precedente. Il prezzo massimo da listino non può eccedere i 45 mila euro.

L’ultima fascia, infine, include anche i veicoli alimentati a benzina o diesel, ma con bassi consumi (sotto i 135 g/km): in questo caso, per rinnovare il parco circolante, è possibile ottenere gli incentivi auto solo con rottamazione di un veicolo di classe inferiore all’Euro 5, fino a un massimo di 2.000 euro. Il prezzo massimo da listino non può superare i 35 mila euro.

Bonus auto 2022 e veicoli commerciali: incentivi fino a 14.000€!

Tra i nuovi bonus auto 2022 sono inclusi anche incentivi per l’acquisto di veicoli commerciali: in questo caso la dotazione disponibile è pari a 10 milioni di euro per il 2022, 15 milioni per il 2023, e 20 milioni per il 2024.

Per quanto riguarda i veicoli commerciali, per godere degli incentivi occorre acquistare veicoli elettrici effettuando la rottamazione contestuale di un precedente mezzo inferiore a Euro 5

Si possono ottenere i seguenti incentivi:

  • sconto fino a 14 mila euro per i veicoli N2 compresi tra 7 e 12 tonnellate; 
  • sconto fino a 12 mila euro per veicoli N2 tra 3,5 e 7 tonnellate; 
  • sconto fino a 6 mila euro per i veicoli N1 tra 1,5 e 3,49 tonnellate;
  • sconto fino a 4 mila euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate.

Confermati, infine, gli Ecobonus moto e scooter 2022 fino a 4.000 euro. Vediamo i dettagli.

Ecobonus moto e scooter: incentivi fino a 4.000€. I dettagli!

Dopo l’introduzione a inizio 2022, proseguono gli Ecobonus per l’acquisto di moto e scooter, con sconti fino a 4.000 euro. Lo stanziamento del Governo è pari a 15 milioni di euro per il 2022, 2023 e 2024.

Si possono acquistare moto e ciclomotori delle categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7, godendo di due tipologie di incentivi:

  • risparmio del 30 per cento sul prezzo finale, fino a un massimo di 3 mila euro;
  • risparmio del 40 per cento sul prezzo finale, fino a un massimo di 4 mila euro con rottamazione di una moto precedente di classe compresa tra Euro 0 e Euro 3.

Per quanto riguarda i ciclomotori e i motocicli termici, ovvero quelli che prevedono emissioni ridotte e basso consumo, è possibile ottenere sconti aggiuntivi e vantaggiosi. Il venditore applica un bonus pari al 5% diretamente sul prezzo da listino, e un ulteriore incentivo del 40% fino a 2.500 euro, previa rottamazione.

Bonus auto 2022: quando partono i nuovi incentivi?

La domanda che molti si staranno facendo è la seguente: da quando partono i nuovi incentivi auto 2022? Quando si potranno ottenere i primi bonus auto elettriche e non solo?

La data purtroppo potrebbe slittare fino ai primi di maggio, considerando che dopo l’approvazione del DPCM è necessario attendere la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale e il parere della Corte dei Conti. Un procedimento che può far slittare l’attesa di diverse settimane.

In qualsiasi caso, saranno le concessionarie a prenotare gli incentivi auto direttamente dalla piattaforma Ecobonus del Mise, non appena avranno firmato il contratto di vendita con il cliente.

Come previsto dai precedenti provvedimenti, i nuovi bonus auto 2022 sono confermati fino al 31 dicembre, ma le risorse potrebbero esaurirsi ben prima della scadenza naturale.

Bonus auto 2022: bonus carburante fino a 200 euro per i lavoratori

Contestualmente all’introduzione dei nuovi incentivi auto, è bene ricordare che gli automobilisti hanno diritto a un pacchetto di bonus auto 2022 ben più ampio.

Per esempio, a partire dal 1° aprile tutti i lavoratori di aziende private possono ottenere fino a 450€ di bonus carburante. I buoni per la benzina, in realtà, saranno elargiti sottoforma di benefit aziendali per un importo massimo di 200€, ma si andranno a sommare a ulteriori benefit (fino a 258,23€) per un totale di circa 450€.

I bonus carburante sono esentasse e non concorrono alla formazione del reddito: si tratta di buoni nominali che vengono erogati al singolo lavoratore direttamente nella busta paga. Le aziende possono aderirvi su base volontaria.

Bonus auto 2022: buono veicoli sicuri per risparmiare sulla revisione

E sempre in tema di bonus auto 2022, è ancora possibile richiedere il buono veicoli sicuri per risparmiare sul costo della revisione.

Per tutte le revisioni effettuate nel 2021 c’è tempo fino al 30 aprile 2022 per richiedere il bonus revisione sulla piattaforma “bonus veicoli sicuri”, mentre per le revisioni effettuate dal 1° gennaio 2022 ci sarà da attendere fino al 1° maggio.

Il buono veicoli sicuri permette di ottenere un rimborso – seppur minimo – sul costo della revisione: il valore del bonifico al beneficiario è pari a 9,95 euro, ovvero corrispondente all’aumento della tariffa ministeriale applicato da novembre 2021.

Bonus auto 2022: in arrivo un bonus gomme da 200€? 

E per concludere, un emendamento proposto al Decreto Energia prevede la possibilità di ottenere un bonus gomme auto da 200 euro per cambiare quattro pneumatici e ridurre i consumi di carburante. 

Il bonus gomme auto permette agli automobilisti di acquistare quattro gomme nuove di classe A o B, green, godendo di uno sconto di 200 euro applicato direttamente dal venditore. Il fondo a disposizione per finanziare questa misura è pari a 20 milioni di euro.

Purtroppo, questo bonus potrebbe avere una vita difficile…Come hanno precisato da Federpneus, infatti, dopo l’approvazione dell’emendamento andrà approvato un ulteriore decreto attuativo. Quest’ultimo potrebbe essere atteso entro 60 giorni dall’approvazione dell’emendamento. Infine, occorrerebbe attendere eventuali ritardi governativi o slittamenti nelle approvazioni.

Alla fine, il bonus pneumatici potrebbe arrivare ben oltre il termine fissato per il cambio gomme, forse addirittura dopo il 15 maggio 2022.